UE: continua a crescere la disoccupazione

905

Continua a crescere la disoccupazione nell’ Eurozona. L’Istituto di statistica europeo evidenzia come solamente nell’ultimo mese siano andati bruciati 62.000 posti di lavoro, mentre il dato annuale (marzo 2013- marzo 2012) parla di 1,7 milioni di persone rimaste senza un impiego. Rispetto ad un anno fa (marzo 2012) Eurostat registra un aumento della disoccupazione in diciannove Stati membri su ventisette.

A marzo l’aumento è stato dello 0,1% rispetto al mese precedente, attestandosi al 12,1%. Nell’EU a 17 il numero totale dei disoccupati ha raggiunto quota 19,2 milioni, di cui circa 5,7 milioni sono giovani under 25 (nella zona euro risulta disoccupato il 24% di loro). L’elevata disoccupazione giovanile ha raggiunto livelli drammatici in Grecia (59,1%), in Spagna (55,9%), in Italia (38,4%) e in Portogallo (38,3%).

Nell’Europa a ventisette sono ormai complessivamente 26 milioni e mezzo di uomini e donne senza lavoro. I Paesi con il tasso di disoccupazione più contenuto sono Austria (4,7%, -0,1% rispetto a febbraio), Germania (5,4%, come a febbraio) e Lussemburgo (5,7%, +0,2% rispetto a febbraio). Nel nostro Paese la disoccupazione è  ferma all’11,5% (come a febbraio), Francia a quota 11% (+0,1% in un mese). Disoccupazione record in Spagna (26,7%), dove si registra la percentuale più elevata.

Per saperne di più

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here