Sovranità digitale e supercalcolo: la proposta della Commissione Europea

37

La Commissione europea compie ulteriori passi avanti nell’ambito della sovranità digitale europea, proponendo un nuovo regolamento relativo all’impresa comune per il calcolo ad alte prestazioni europeo (impresa comune EuroHPC) che promuova un ruolo guida dell’Europa nell’ambito del supercalcolo e del calcolo quantistico. Il regolamento sosterrà attività di ricerca e innovazione sulle nuove tecnologie, sui  nuovi sistemi e prodotti del supercalcolo con l’obiettivo di creare una base per un ecosistema di livello mondiale in Europa. Si tratta di una proposta fondamentale per l’insieme della strategia digitale europea, che va dai big data alla’intelligenza artificiale, dalle tecnologie cloud alla cibersicurezza.

Il supercalcolo inoltre, riconosciuto come una delle priorità di investimento strategiche, sarà fondamentale nell’ambito della ripresa: nel settore sanitario infatti viene già utilizzato per la modellizzazione e la previsione della diffusione dell’infezione e a sostegno del processo decisionale relativo alle misure di contenimento e permetterà agli scienziati di comprendere meglio il metabolismo e il sistema immunitario umano, contribuendo anche alla lotta a malattie quali il cancro e le infezioni virali. Il regolamento proposto è un aggiornamento del precedente regolamento del Consiglio, che ha istituito l’impresa comune EuroHPC nell’ottobre 2018, e consentirà all’Europa di conservare un ruolo chiave nella corsa tecnologica verso la prossima frontiera del supercalcolo, in particolare mediante i supercomputer a esascala e i computer quantistici e ibridi. Queste risorse europee, grazie all’impresa comune EuroHPC, saranno accessibili agli utenti industriali e del settore pubblico, comprese le piccole e medie imprese, di tutta Europa.

Il regolamento dovrà essere adottato dal Consiglio dell’UE, ma i preparativi per le attività dell’ippresa comune sono già in corso: sono stati selezionati ad esempio 20 progetti per lo sviluppo di applicazioni e servizi innovativi in questo ambito

A complemento del regolamento, la Commissione ha adottato, nello stesso giorno, una raccomandazione volta a tutti gli Stati membri affinché promuovano la connettività di rete ultraveloce e a sviluppare un approccio congiunto per il dispiegamento del 5G.

Per saperne di più: il comunicato della Commissione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here