SELFIE: uno strumento per valutare l’uso delle tecnologie didattiche

185

Didattica e competenza digitali sono temi che sempre più dovranno interagire per rispondere in modo efficace alle sfide che la scuola e il mondo del lavoro devono affrontare. La Commissione europea all’interno del piano d’azione per l’istruzione digitale ha presentato la settimana scorsa un nuovo strumento con l’obiettivo di aiutare le scuole a valutare l’impiego e l’impatto delle tecnologie digitali nei loro processi didattici.

La piattaforma SELFIE è già disponibile in 24 lingue, per tutti gli Stati membri più Russia, Georgia e Serbia e può essere adottata su base volontaria nelle scuole primarie, secondarie, superiori e presso gli istituti di formazione professionale.

Ad oggi è già disponibile nelle scuole serbe, a breve in tutti i paesi dei Balcani meridionali e a regime 76.7 milioni di insegnanti e studenti potranno utilizzarla in 250.000 scuole.

SELFIE si presenta inizialmente come uno questionario modulare, attraverso il quale sia gli studenti che il corpo insegnante può esprimersi in modo anonimo e valutare se e in che modo le tecnologie vengono utilizzate nei percorsi formativi.

La prima conferenza sul tema si terrà a Madrid il 4 e 5 aprile 2019, le scuole che hanno aderito al progetto si confronteranno su come migliorare la piattaforma e su come interagire con le altre importanti realtà europee in campo educativo come la piattaforma eTwinning e il programma Erasmus+.

Tra i partner che hanno preso parte alla realizzazione di SELFIE figurano la Fondazione europea per la formazione professionale, il Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionalee l’Istituto dell’UNESCO per le tecnologie informatiche nell’istruzione.

Approfondisci:

Sito web di SELFIE, compreso un video

Scheda informativa su SELFIE

 

LASCIA UN COMMENTO