Rapporto Generale sulle attività dell’UE nel 2020

82

La Commissione europea ha pubblicato il resoconto dell’Unione Europea per l’anno 2020, un anno, come sottolineato dalla presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, da dimenticare al più presto e da ricordare per sempre.

Ovviamente, il 2020 sarà da dimenticare al più presto a causa della pandemia di Covid-19, che ha avuto effetti decisamente negativi (e le cui conseguenze si sentiranno ancora negli anni a venire) in ogni angolo dell’Unione e del mondo. Ma il 2020 è stato anche un anno da ricordare per svariati motivi. In primis perché, in mezzo alla lotta contro questo il Covid-19, l’Europa è entrata nella più grande mobilitazione collettiva nella storia della nostra Unione. Infatti, grazie alle risorse dell’UE e degli Stati membri sono stati mobilitati circa 4200 miliardi di euro (più del 30% del PIL europeo) per la risposta condivisa al virus, così suddivisi: 

  • 3045 miliardi rivolti alle misure di liquidità nazionali (tra cui rientrano anche i circa 750 miliardi del Next Generation EU);
  • 575 miliardi per le misure nazionali adottate in base alla flessibilità delle norme di bilancio dell’UE (come, ad esempio, la clausola di salvaguardia generale);
  • 240 miliardi destinati al MES;
  • 200 miliardi per il sostegno alla Banca Europea per gli investimenti (BEI);
  • 100 miliardi destinati alla piattaforma SURE, lo strumento europeo di sostegno temporaneo per attenuare i rischi di disoccupazione;
  • 70 miliardi di sostegno diretto dell’UE, che include anche l’Iniziativa di investimento per la risposta al coronavirus.

Fondi che sono serviti e che serviranno per rafforzare i settori della sanità pubblica e mitigare l’impatto socioeconomico della pandemia. Di particolare rilevanza sono la strategia vaccinale dell’UE (per la quale l’UE si è assicurata, per ora, circa 2,3 miliardi di dosi), l’imponente piano Next Generation EU per la ripartenza dell’Unione e la risposta dell’UE per combattere il Covid-19 nel mondo (38,5 miliardi di euro).

Di fianco a queste azioni che aiuteranno il ritorno alla vita normale, l’UE ha continuato a intraprendere iniziative verso la neutralità climatica e la digitalizzazione, attraverso il Green Deal europeo, il rispetto degli Accordi di Parigi, la creazione di un’economia digitale e la Strategia Digitale Europea.

Inoltre, nel 2020, l’UE si è impegnata nella protezione della democrazia e dei diritti e delle libertà dei cittadini del mondo. Lo ha fatto interrogandosi sulla necessità di un’unione sanitaria europea (quesito posto a gran voce dalla crisi legata alla pandemia), ma anche coinvolgendo i cittadini con la Conferenza sul Futuro dell’Europa (anche se partirà, con notevole ritardo, solo nel maggio di quest’anno), proponendo un nuovo Patto sui migranti (anche se ancora poco soddisfacente) e creando un dibattito, all’interno dell’UE, sull’esigenza di una politica estera e di sicurezza comune.

In più, durante l’anno scorso, l’UE si è preoccupata di rafforzare la propria economia, che si è trovata ad affrontare nuove e complicate sfide. Quindi, per tenere testa alle grandi economie mondiali, l’UE ha creato una nuova Strategia Industriale europea, con l’obiettivo di potenziare l’eccellenza della ricerca e dell’innovazione e porre le basi, tramite l’imponente bilancio settennale 2021-2017 da 1800 miliardi di euro circa, per la creazione di un’Unione economica e fiscale.

Nel 2020, l’Unione Europea ha anche cercato di costruire un’Europa più equa e sociale, cercando di creare più opportunità per i giovani, lottando contro le discriminazioni di genere e il razzismo in generale.

Inoltre, l’UE, durante l’anno scorso, ha promosso gli interessi e i valori dell’UE nel mondo, tramite l’istituzione di una migliore cooperazione con l’Africa, un rafforzamento della politica di vicinato e una maggiore cooperazione con i Paesi dei Balcani), la promozione dei diritti umani e della democrazia nel mondo, l’aumento degli aiuti umanitari e lo sviluppo di un approccio multilateralista. 

Per finire, il 2020 è stato anche l’anno in cui il Regno Unito ha lasciato l’Unione Europea, quindi si prospetta la creazione di una nuova relazione, economica e politica, con questo Paese.

Per saperne di più: il Rapporto Generale sul 2020

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here