Proteggere la biodiversità sul pianeta

315

Unire le forze per proteggere la biodiversità

In occasione della Giornata mondiale delle specie selvatiche, la Commissione ha nuovamente invitato tutte le istituzioni del pianeta e non solo a far sentire la loro voce. La convenzione sulla diversità biologica (COP15) si terrà quest’anno. E ad un anno esatto dal lancio della coalizione globaleUniti per la biodiversità” a opera della Commissione e dell’Istituto oceanografico di Monaco, più di 200 istituzioni in tutto il mondo hanno già unito le forze per arrestare la crisi della biodiversità. Tra queste troviamo parchi nazionali, centri di ricerca e università, musei della scienza e di storia naturale, acquari, giardini botanici e zoo. Il loro coinvolgimento è fondamentale per sensibilizzare l’opinione pubblica in modo efficace; per esempio illustrando gli effetti drammatici dell’attuale crisi della biodiversità con le loro collezioni e attività didattiche e di conservazione.

Tra i primi a partecipare nei vari continenti sono stati: il parco nazionale di Gorongosa in Mozambico e le 19 riserve gestite in 11 paesi da African Parks; il museo delle scienze di Portorico; lo zoo di San Paolo in Brasile; lo zoo di Central Park a New York; il centro Angkor per la conservazione della biodiversità in Cambogia; e l’acquario di Città del Capo in Sudafrica.

La strategia dell’UE sulla biodiversità

La Commissione ha anche aderito alla coalizione di ambizione elevata per la natura e le persone. Si tratta di un’iniziativa intergovernativa varata in occasione del vertice One Planet nel gennaio di quest’anno. L’obiettivo è conservare almeno il 30 % delle terre e dei mari entro il 2030.
Già l’anno scorso, nell’ambito del Green Deal europeo, la Commissione europea aveva adottato la strategia dell’UE sulla biodiversità. L’impegno è quello di ampliare la rete UE di zone protette gestite in modo efficace, così da coprire il 30 % della superficie terrestre e il 30 % dei mari d’Europa: un terzo delle quali sarebbe sottoposto a protezione rigorosa. In linea con gli obiettivi 14 e 15 delle Nazioni Unite, la Commissione darà seguito alla sua strategia sulla biodiversità. Numerose azioni e iniziative verranno intraprese, tra cui: una strategia forestale dell’UE; una strategia dell’UE per la protezione del suolo; un piano d’azione contro il traffico illegale di specie selvatiche; nonché obiettivi giuridicamente vincolanti per il ripristino della natura.

Le sfide che l’umanità si trova ad affrontare a causa della perdita di biodiversità, dei cambiamenti climatici e dell’inquinamento sono state ancora una volta evidenziate il mese scorso, nella nuova relazione dell’UNEP “Far pace con la natura” (“Making Peace with Nature“), cofinanziata dall’UE.

Per saperne di più: Uniamo le forze per proteggere la biodiversità sul pianeta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here