Programma Eurosur presto in vigore

954

Il regolamento del programma Eurosur per il controllo delle frontiere esterne dell’area Schengen è stato approvato il 22 ottobre dal Consiglio dell’UE per gli Affari generali. Lo “European Border Surveillance System” è stato adottato senza discussione dai Ministri dei 28: il programma permetterà agli Stati membri che effettuano operazioni di sorveglianza delle frontiere di condividere informazioni e cooperare con l’agenzia Frontex per ridurre il numero di migranti irregolari e i traffici illegali. Attivo dal 2 dicembre di quest’anno per i Paesi del Sud e dell’Est europeo (Bulgaria, Estonia, Grecia, Spagna, Francia, Croazia, Italia, Cipro, Lettonia, Lituania, Ungheria, Malta, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Slovacchia e Finlandia), Eurosur entrerà in vigore dal 1 dicembre 2014 per tutti gli altri Stati membri.

Il Parlamento europeo ha approvato due settimane fa la proposta di regolamento della rete di comunicazione progettata per sorvegliare le frontiere Ue e migliorare l’individuazione, la prevenzione e la lotta contro l’immigrazione clandestina e la criminalità transfrontaliera, al fine di tutelare la vita dei migranti. Approvata con 479 voti favorevoli, 101 contrari e 20 astensioni, la relazione del PE prevede che i Paesi parte di Eurosur si impegnino a rispettare i diritti umani e in particolare il principio di non respingimento, che vieta il rimpatrio di persone in pericolo di vita o private della libertà.
Inoltre i Paesi che applicheranno il programma Eurosur dovranno tutelare i diritti fondamentali dell’Unione europea, tra i quali la protezione dei dati personali.

Per saperne di più

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here