Persistono stereotipi di genere nell’istruzione europea

1067

Secondo uno studio della Commissione Europea basato sulle rilevazioni della rete Eurydice, gli stereotipi continuano ad essere la principale sfida per la parità   tra i sessi nel campo dell’istruzione e nei vari sistemi educativi europei.
Lo studio riguarda 29 Paesi (tutti gli Stati membri dell’UE, tranne la Bulgaria, più l’Islanda, il Liechtenstein e la Norvegia) e mostra come quasi tutti i sistemi educativi dispongano di politiche in materia di parità   tra i sessi o intendono dotarsene per superare i tradizionali ruoli e stereotipi legati al sesso. In generale le ragazze raggiungono livelli di istruzione più elevati e ottengono un punteggio maggiore negli esami di diploma rispetto ai ragazzi, mentre questi ultimi hanno maggiori probabilità   di lasciare prematuramente la scuola o di ripetere l’anno. Da indagini internazionali emerge che i ragazzi tendenzialmente non si profilano bene per quanto concerne la capacità   di lettura, mentre le ragazze hanno di solito maggiori problemi con la matematica: queste constatazioni riguardano circa un terzo dei sistemi educativi in Europa. «Il background socioeconomico rimane comunque il fattore più importante» sottolinea lo studio.
Per quanto riguarda l’orientamento professionale, molti giovani e molte giovani delle scuole professionali e di quelle dell’istruzione secondaria generale continuano a scegliere carriere che rispecchiano i tradizionali ruoli di genere. Secondo lo studio «occorre un miglior orientamento professionale per affrontare la questione e si devono sensibilizzare i consulenti che indirizzano i giovani nella scelta delle carriere per far sì che essi abbiano una maggiore consapevolezza delle problematiche di genere e siano quindi in grado di mettere in questione gli stereotipi».
Un orientamento che tiene conto delle componenti di genere è disponibile attualmente solo nella metà   dei Paesi europei, mentre a fronte di interessanti iniziative e progetti individuali «mancano strategie nazionali volte a superare gli stereotipi di genere per quanto concerne la scelta delle carriere».

Approfondisci

Articolo precedenteNuove proposte per istruzione e formazione professionali
Articolo successivoDemocrazia in Europa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here