Parlamento europeo: il resoconto della plenaria di dicembre

1815

Premio Sakharov per la libertà di pensiero, nuove regole per la Politica agricola comune, negoziati Brexit e Gerusalemme fra i temi chiave della plenaria

Nel corso della plenaria, tenutasi a Strasburgo dall’11 al 14 dicembre, il Parlamento europeo ha consegnato ai rappresentanti dell’opposizione democratica in Venezuela il Premio Sacharov, prestigioso riconoscimento per la libertà di pensiero che Julio Borges, presidente dell’Assemblea nazionale venezuelana, ha dedicato a tutti i suoi concittadini. Il Persidente del Parlamento, Antonio Tajani, ha auspicato che il paese latinoamericano possa tornare presto «alla democrazia, alla dignità, alla libertà».
Il Parlamento europeo si è altresì occupato di numerosi temi di politica estera. È stato innanzitutto ribadito che la politica estera e di sicurezza comune deve proseguire con legami più stretti che possano garantire una risposta più efficace alle minacce internazionali.
Rispetto alla decisione di Donald Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale dello Stato di Israele, molti eurodeputati hanno espresso la propria preoccupazione per il processo di pace in Medio Oriente e per la sicurezza della regione, mentre altri hanno invitato a rispettare le apprensioni di Israele per la propria sicurezza.
La plenaria ha affrontato anche il tema di Brexit, discutendo la relazione sui progressi compiuti nei negoziati e invitando i negoziatori a proseguire verso la seconda fase.
Il Parlamento europeo ha, inoltre, approvato le raccomandazioni della Commissione speciale di inchiesta su evasione, elusione e riciclaggio, la quale aveva domandato registri trasparenti su chi beneficia di vantaggi fiscali, protezione per coloro che informano sui comportamenti scorretti (i cosiddetti whistleblower) e norme per regolare il lavoro di intermediari come contabili e avvocati. Il Fondo europeo per gli investimenti strategici è stato prolungato fino alla fine del 2020, con l’obiettivo di creare investimenti per circa 500 miliardi di Euro.
La plenaria ha, infine, dato il proprio assenso a regole per semplificare la Politica agricola comune e aumentare il potere negoziale degli agricoltori nei confronti della grande distribuzione, al fine di poterli proteggere dai rischi di produzione e di mercato.

Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here