Pareggio di bilancio posticipato al 2012

841

L’Eurogruppo ha deciso di posticipare al 2012 il termine entro cui tutti gli Stati della zona euro devono raggiungere il pareggio di bilancio, mentre il precedente obiettivo del 2010 resta da rispettare ma sarà   condizionato alle condizioni del ciclo economico.
àˆ questo il compromesso raggiunto dall’Eurogruppo per risolvere il caso della Francia: le autorità   francesi hanno infatti continuato a insistere che il Paese raggiungerà   l’equilibrio di bilancio nel 2012, mentre un anno fa a Berlino era stato deciso che la scadenza sarebbe stata il 2010.
La decisione dello spostamento della data ultima per tutti i Paesi è stata presa in base alla constatazione, a questo punto anche formale, che le condizioni dell’attività   produttiva sono peggiorate e che non è più possibile mantenere in tutti i Paesi l’impegno del 2010. La decisione di Berlino, ha precisato il presidente dell’Eurogruppo Jean Claude Juncker, era fondata sulle buone condizioni cicliche e sull’extra gettito. Nell’ultimo anno le condizioni sono perಠmutate e oggi la Commissione europea chiede di verificare se nei prossimi mesi l’andamento delle entrate non cambierà  , come invece teme. L’obiettivo del 2010 resta quindi per i Paesi le cui condizioni cicliche lo permetteranno.
Per evitare una nuova crisi della supervisione di bilancio nella zona euro l’Eurogruppo ha così preso atto della situazione, confortato da un andamento dell’economia che crescerà   all’1,7% secondo il Fondo Monetario Internazionale, una crescita comunque ben al di sotto del potenziale con evidenti ripercussioni sui bilanci pubblici.
L’Eurogruppo ha poi approvato gli orientamenti per le politiche di bilancio dei Paesi membri, compresi quelli per l’Italia. Tra le raccomandazioni, il taglio del deficit strutturale dello 0,5% del PIL ogni anno. Juncker ha commentato favorevolmente le misure annunciate dal governo italiano e il piano illustrato dal ministro dell’Economia Giulio Tremonti, mentre il commissario europeo per gli Affari economici e monetari Joaquin Almunia ha reso noto che il governo italiano ha confermato il pareggio di bilancio entro il 2011.

Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here