Nuovo passo avanti per l’istruzione europea: nascono le alleanze delle prime 17 Università europee

288

La Commissione Europea ha annunciato i nomi delle prime 17 “università europee” selezionate tra 54 che avevano presentato la loro candidatura. Si tratta di un progetto approvato dalla Commissione nel novembre del 2017 che prevedeva la creazione di un certo numero di “università europee”, ovvero alleanze transnazionali di istituti di istruzione superiore di tutta l’UE che condividono una strategia a lungo termine e promuovono i valori e l’identità europei. L’obiettivo è quello di coinvolgere in prima persona gli studenti di tutta Europa migliorando la loro qualità di studio e di preparazione complessiva, incentivando la loro mobilità e l’inclusività dei loro istituti. Per questo progetto sono stati stanziati 85 milioni di euro. Ogni alleanza riceverà nei prossimi tre anni fino a 5 milioni di euro per cominciare ad attuare i rispettivi programmi e a creare condizioni e buone pratiche per future altre alleanze fra Istituti europei.

Per la prima volta i giovani coinvolti potranno ottenere una “laurea europea” alla fine di un percorso molto flessibile dal punto di vista della loro formazione, che si terrà all’interno di “campus” interuniversitari nei quali gli studenti, i dottorandi, il personale e i ricercatori potranno muoversi senza problemi. Essi avranno accesso a piattaforme interdisciplinari e risorse per elaborare programmi di studio sempre più personalizzati, inoltre grazie alle “università europee” verranno valorizzate economicamente le regioni in cui queste hanno sede, infatti gli studenti potranno lavorare con le imprese, le autorità comunali, gli esponenti del mondo accademico e i ricercatori per individuare e analizzare le problematiche e le sfide che quella determinata regione deve affrontare.

Ogni alleanza è composta da una media di sette istituti di istruzione superiore di tutte le regioni d’Europa, che coprono praticamente tutte le discipline;  altre alleanze si concentrano su alcuni ambiti specifici come la sostenibilità delle zone costiere urbane, le scienze sociali o la salute globale. L’idea della Commissione europea è quella di portare avanti questo progetto e, nell’ambito del prossimo bilancio a lungo termine dell’UE per il periodo 2021-2027, di inserirlo completamente nel progetto Erasmus+ incrementando anche il bilancio.

Per saperne di più: il comunicato della Commissione


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here