L’Europa in Ucraina

209

La Commissione europea ha pubblicato due inviti a presentare proposte per un totale di 7,5 milioni di euro al fine di sostenere l’integrazione delle piccole e medie imprese (PMI) ucraine nel mercato unico. Il primo invito, “Business Bridge“, fornirà alle PMI ucraine colpite dalla guerra un sostegno finanziario sotto forma di buoni per accedere ai servizi e partecipare a fiere commerciali nell’UE. Il secondo invito, denominato “Erasmus per giovani imprenditori – Ucraina“, consentirà ai nuovi imprenditori ucraini di acquisire esperienza nel mondo delle imprese in altri paesi europei. Gli inviti sono finanziati nell’ambito del programma per il mercato unico e fanno seguito all’accordo sull’adesione dell’Ucraina al programma; le imprese e gli imprenditori ucraini potranno presentare domanda nell’ultimo trimestre del 2023.

Inoltre, considerando l’effetto positivo delle misure commerciali autonome sui commerci dall’Ucraina all’UE in vigore dal giugno 2022, come la sospensione dei dazi all’importazione, dei contingenti e delle misure di difesa commerciale, la Commissione Europea ne ha proposto la proroga per un anno. Queste misure sono finalizzate a sostenere l’economia ucraina e ad alleviare la difficile situazione dei produttori e degli esportatori a seguito dell’aggressione della Russia. La proposta sarà ora esaminata dal Parlamento europeo e dal Consiglio dell’Unione europea.

Per quanto riguarda il settore della ricerca, la Commissione europea ha annunciato i risultati dell’iniziativa MSCA4Ukraine che sostiene i ricercatori sfollati provenienti dall’Ucraina. 124 ricercatori ucraini, potranno proseguire il loro lavoro in 21 paesi dell’UE e associati a Orizzonte Europa, con una dotazione complessiva di 25 milioni di €. Saranno offerte opportunità di sviluppo professionale e attività di formazione per sviluppare competenze chiave trasferibili connesse alla ricerca. La Commissione ha anche annunciato l’apertura di un nuovo ufficio del programma Orizzonte Europa a Kiev nel 2023 per fornire sostegno ai punti di contatto nazionali, ai ricercatori e agli innovatori in tutta l’Ucraina e rafforzare le reti per la ricerca e l’innovazione tra le istituzioni ucraine ed europee.

Infine, l’Unione Europea ha approvato il decimo pacchetto di sanzioni contro la Russia. Esso prevede l’aggiunta di circa 120 persone ed entità all’elenco di sanzioni, tra cui decisori russi, funzionari governativi e leader militari coinvolti nella guerra contro l’Ucraina, nonché contro membri e sostenitori del gruppo mercenario russo Wagner e le attività di quest’ultimo in altri paesi. Inoltre, il pacchetto introduce nuovi divieti e restrizioni relativi alle esportazioni dell’UE, tra cui componenti elettronici supplementari utilizzati nei sistemi d’arma russi e beni fondamentali per il funzionamento e il potenziamento della capacità industriale russa. Il valore delle esportazioni dell’UE oggetto di sanzioni con il pacchetto odierno è di 11,4 miliardi di €, che si aggiungono ai 32,5 miliardi di € delle esportazioni già oggetto di sanzioni con i pacchetti precedenti.

La presidente von der Leyen ha dichiarato che la Russia deve essere ritenuta responsabile degli orribili crimini commessi in Ucraina e che è necessario fare tutto il possibile per consegnare i colpevoli alla giustizia. Per perseguire efficacemente il crimine di aggressione, è stato firmato un accordo per istituire il Centro internazionale per il perseguimento del crimine di aggressione all’Aia. Inoltre, è stata istituita una squadra investigativa comune con il sostegno di Eurojust per raccogliere prove e indagare sui principali crimini internazionali commessi in Ucraina. La Corte penale internazionale è competente a perseguire i crimini internazionali più gravi, ma poiché la Russia non accetta la giurisdizione della CPI, la Commissione europea ha presentato diverse opzioni agli Stati membri per perseguire efficacemente il crimine di aggressione. L’ICPA è un primo passo in questo processo per preservare le prove e preparare l’accusa per futuri processi, nazionali o internazionali.

Per ulteriori informazioni:

La Commissione propone la proroga di un anno delle agevolazioni commerciali per l’Ucraina; Programma per il mercato unico; La Commissione fornisce sostegno a 124 ricercatori ucraini fuggiti dalla guerra; Misure commerciali autonome prorogate – Regolamento; Relazioni commerciali dell’UE con l’UcrainaL’UE approva il 10° pacchetto di sanzioni nei confronti della Russia*; risultati del bando MSCA4Ukraine; ricercatori dell’UE e dell’Ucraina; Domande e risposte sul 10° pacchetto di sanzioni nei confronti della Russia; Statement by President von der Leyen on the establishment of the International Centre for the Prosecution of Crimes of Aggression against Ukraine; Videomessaggio della presidente von der Leyen 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here