Le operazioni dell’EASO si estendono in Spagna

152

L’Ufficio europeo di sostegno per l’asilo (EASO) ha avviato il sostegno operativo alle autorità di accoglienza in Spagna, come annunciato di recente in seguito alla firma del piano operativo per il paese. La Spagna è il quinto paese dove opera EASO, assieme a Cipro, Grecia, Italia e Malta.

Nel 2021 l’EASO impiegherà circa 2.000 persone nei cinque Stati membri, di cui quasi 1.000 in Grecia. Mentre il personale impiegato in Grecia rimarrà invariato rispetto al 2020, si registreranno notevoli aumenti a Cipro (+120 %) e a Malta (+129 %). Il personale comprende assistenti sociali, interpreti, esperti di vulnerabilità, personale di supporto sul campo, personale di accoglienza, funzionari di ricerca e personale amministrativo. Nei prossimi 12 mesi, l’Agenzia impegnerà oltre 70 milioni di euro per le sue operazioni, circa la metà del suo bilancio complessivo. Oltre 45 milioni di euro saranno destinati ad attività operative in Grecia.

Ogni piano operativo annuale segue una valutazione delle esigenze effettuata in concertazione con le rispettive autorità nazionali ed è quindi adattato allo Stato membro in questione. Mentre il sostegno alla Spagna si concentrerà sullo sviluppo di un nuovo modello per l’accoglienza dei richiedenti asilo, il funzionamento dell’EASO in Italia continuerà a focalizzarsi sulla qualità e sulla standardizzazione dei processi di asilo e sui ricorsi, vista la minore pressione sulle infrastrutture di accoglienza del paese. EASO fornirà inoltre un sostegno più ampio al sistema di accoglienza e risponderà a eventi di sbarco e trasferimento volontario.

Le operazioni dell’EASO a Cipro, in Grecia e a Malta comprendono colloqui con i richiedenti asilo, l’elaborazione di pareri e assistenza strutturale in termini di rafforzamento delle capacità di accoglienza degli Stati membri. In Grecia, l’EASO continuerà inoltre a facilitare il trasferimento di minori non accompagnati e di bambini vulnerabili negli Stati membri dell’UE e sosterrà l’istituzione di un nuovo Centro di accoglienza e identificazione a Lesbo.

Per approfondire: il comunicato dell’EASO, il piano operativo per l’Italia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here