La sicurezza al centro del dibattito europeo

446

Con le elezioni del Parlamento europeo che si avvicinano a passi ormai spediti (26 maggio 2019) i temi messi sul piatto sono molti e molti importanti.

La sicurezza è sicuramente uno dei più delicati ed è già al centro di ogni campagna elettorale come si è potuto recentemente vedere con le elezioni italiane del 4 marzo o le recentissime in Baviera.

È quindi un tema spinoso da cui passa molto del consenso agli uni o agli altri partiti. Le Istituzioni europee non sono certamente immobili di fronte a questo tema.  Nei giorni scorsi infatti, è stata resa pubblica dalla Commissione Europea una relazione che riassume ciò che finora è stato fatto nella direzione di una “Unione della Sicurezza”, relazione che verrà discussa al Consiglio Europeo del 18/19 Ottobre.

Le raccomandazioni per il futuro, contenute nella relazione ed espresse sia dal Commissario per la Migrazione, gli affari interni e la cittadinanza Dimitris Avramopoulos, dal Commissario per l’Unione della sicurezza, Julian King nonché dal Presidente Juncker indicano :

 

  • La protezione dei cittadini online: adozione rapida delle proposte del settembre 2017 e del mese scorso per il rafforzamento della sicurezza informatica in via prioritaria;
  • interoperabilità dei sistemi d’informazione dell’UE, la cooperazione in questo senso è un aspetto fondamentale.  Anche in questo caso è urgente adottare la proposta presentata a fine 2017  in modo tale che i sistemi d’informazione dell’UE per la sicurezza, la migrazione e la gestione delle frontiere possano interagire in modo più intelligente ed efficiente 
  • lotta alla criminalità transfrontaliera, con un aiuto alle autorità di polizia e giudiziarie sull’attività transfrontaliera, con una particolare attenzione alle prove elettroniche oggetto di una proposta da approvare;
  • rafforzamento delle frontiere dell’UE, con le proposte sul potenziamento dell’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera, norme sul rimpatrio e Agenzia europea per l’asilo, soggetti e strumenti fondamentali per la lotta ai pericoli e la garanzia della sicurezza.

 

Al fine di sostenere gli Stati membri ad aumentare la sicurezza all’interno dell’UE, la Commissione europea ha stanziato, per il periodo 2018/2019 70 milioni di Euro, cui si possono aggiungere i 100 milioni per l’innovazione urbana e la protezione degli spazi pubblici, strumenti essenziali per la sicurezza

Per approfondire: il comunicato della Commissione

Articolo precedenteIl parere della Commissione europea sul documento programmatico di bilancio 2019 dell’Italia
Articolo successivoKashoggi, la libertà d’espressione nella polveriera mediorientale

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here