La nuova strategia dell’UE sui rimpatri volontari e la reintegrazione

113

La Commissione ha adottato il 27 aprile 2021 la prima strategia dell’UE sui rimpatri volontari e la reintegrazione, che promuove il rimpatrio volontario e la reintegrazione quali parti integranti del nuovo patto sulla migrazione e l’asilo

Con il rafforzamento del suo mandato, Frontex sarà in grado di sostenere gli Stati membri in tutte le fasi del processo di rimpatrio volontario e di reintegrazione. 

In primo luogo, la nuova strategia introduce misure pratiche con l’obiettivo di rafforzare il quadro giuridico e operativo per i rimpatri volontari dall’Europa e dai paesi di transito, fornendo una consulenza che tenga conto delle circostanze individuali, delle esigenze dei minori e dei gruppi vulnerabili e che preveda un sostegno anche per il periodo successivo all’arrivo nel paese di destinazione e il monitoraggio dell’efficacia dell’assistenza al reinserimento.

L’UE rafforzerà infatti i processi di reintegrazione aiutando le strutture competenti nei paesi partner a rispondere alle esigenze economiche e sociali specifiche dei rimpatriati. L’UE continuerà inoltre a fornire assistenza ai migranti bloccati in paesi di transito, esplorando la possibilità di instaurare nuovi partenariati. 

La Commissione garantirà un uso più coordinato delle risorse finanziarie disponibili per sostenere l’intero processo di rimpatrio volontario e reintegrazione.

Per approfondire: la nuova strategia dell’UE sui rimpatri volontari e la reintegrazione, il documento di lavoro dei servizi della Commissione in materia di rimpatrio, domande e risposte sulla nuova strategia UE sui rimpatri volontari e la reintegrazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here