Il Comitato Economico e Sociale Europeo si esprime sul futuro dell’euro

1132

Lo scorso 2 febbraio il Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE) ha organizzato un incontro per discutere sul futuro dell’euro e dell’Unione Economica e Monetaria nel suo complesso.

Il compito di aprire il dibattito è stato affidato a Joost van Iersel, presidente della sezione economica del CESE, il quale ha avvertito le istituzioni riguardo «l’urgenza che i cittadini riescano a vedere un senso concreto della loro partecipazione alla vita comunitaria», sottolineando come «un processo d’integrazione sostenibile richieda una maggiore cooperazione in ambito fiscale, finanziario, sociale e politico, da attuarsi anche cambiando i trattati, qualora si riveli necessario».

Fra i vari interventi, il presidente del gruppo di lavoro dell’Eurogruppo, Thomas Wieser, ha evidenziato come «la mancanza di convergenze strutturali, come ad esempio nella politica fiscale, provochi degli squilibri fra i Paesi», rimarcando la «necessità di un cambiamento reale, tangibile».

I diversi ospiti, ciascuno a suo modo, hanno raggiunto la medesimo conclusione: per il futuro dell’UE non vi è un’alternativa credibile ad una più incisiva unione politica, che ponga come priorità i bisogni dei cittadini e non questioni meramente tecniche. In particolare, il Comitato Economico e Sociale Europeo si è rivolto ai leader europei, affinché essi accelerino il processo di integrazione mediante una sempre più profonda collaborazione fra gli Stati membri.

Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here