Futuri programmi UE: nuovi accordi politici tra Parlamento e Consiglio

174

Settimana di intensi negoziati tra il Parlamento europeo e la presidenza tedesca del Consiglio: sono stati infatti approvati importanti accordi politici informali su alcuni dei programmi chiave dell’Unione – tra cui Erasmus+, il Corpo europeo di solidarietà, Orizzonte europa, Europa digitale ed Europa creativa – definendo priorità e dotazioni per la loro implementazione nell’ambito del prossimo Quadro finanziario pluriennale 2021-2027.

Vediamoli in dettaglio.

Erasmus+

Erasmus+, il programma dell’Unione europea per istruzione e formazione, giovani e sport, vede la propria dotazione incrementata sino a superare i 26 miliardi di Euro, con l’obiettivo di triplicare il numero di partecipanti coinvolti sino a raggiungere la soglia di 12 milioni di persone. L’83% delle risorse sarà dedicata al settore “istruzione e formazione”, il 10,3% al settore “giovani” e l’1,9% al settore “sport”.

L’obiettivo principale, per tutti e tre i settori, sarà la promozione della mobilità a fini di studio e la partecipazione attiva, allo scopo di incentivare il confronto, la cooperazione e l’innovazione.

Corpo europeo di solidarietà

Il Corpo europeo di solidarietà – il programma che finanzia la realizzazione di attività di volontariato da parte dei giovani europei – verrà dotato di risorse pari a più di 1 miliardo di Euro, mediante le quali si stima sarà possibile coinvolgere 350.000 partecipanti.

I progetti di volontariato finanziati dal corpo interesseranno due settori: azioni di solidarietà rivolte alle principali sfide sociali – ad esempio, assistenza a bambini, anziani e richiedenti asilo – e azioni connesse agli interventi umanitari; la partecipazione sarà estesa ai giovani dai 18 ai 30 anni per il primo settore, e dai 18 ai 35 per il secondo.

Horizon europe (Orizzonte europa)

Orizzonte europa, il programma di sostegno alla ricerca scientifica, sarà dotato di risorse complessive pari a 95,5 miliardi di Euro, tra cui 5,4 miliardi provenienti dal fondo Next Generation EU: complessivamente, si tratta di un aumento del 30% rispetto alla dotazione del precedente settennato.

Le risorse sosterranno la ricerca scientifica e la capacità tecnologica europea e industriale europea, e saranno allocate in una molteplicità di cluster tematici prioritari, tra cui: “Clima, energia e mobilità”, “Digitale, industria e spazio”, “Cultura, creatività e società inclusiva” e “Sanità”. Inoltre, contribuiranno al consolidamento dello Spazio europeo della ricerca (SER), contribuendo, secondo una logica di coesione, a colmare i divari tra i sistemi di ricerca e sviluppo dei vari Paesi dell’Unione.

Europa digitale

Europa digitale, il nuovo programma dell’Unione per sostenere l’innovazione tecnologica europea nell’ambito della transizione digitale in corso, sarà dotato di risorse pari a poco più di 7,5 miliardi di Euro.

Gli investimenti finanziati dal programma si concentreranno lungo 5 assi tematici principali: supercalcolo; intelligenza artificiale, cibersicurezza, promozione di competenze digitali avanzate, interoperabilità e impiego ottimale delle capacità digitali. 

Grazie al programma, l’Unione darà vita a poli europei dell’innovazione digitale, in grado di facilitare la cooperazione – e la convergenza tra bisogni e soluzioni – tra imprese e pubbliche amministrazioni.

Europa creativa

Europa creativa, il nuovo programma ideato per sostenere il settore culturale e creativo dell’Unione, riceverà una dotazione pari a oltre 2,4 miliardi di Euro.

Attraverso il programma verranno finanziate iniziative volte a promuovere il patrimonio culturale europeo, a rafforzare la competitività del settore e ad incoraggiare la cooperazione transfrontaliera tra gli operatori del settore; inoltre, saranno realizzati progetti di alfabetizzazione mediatica e azioni di rafforzamento della libertà degli organi di stampa e del pluralismo.

Gli accordi raggiunti dovranno ora essere sottoposti all’approvazione del Parlamento europeo e del Consiglio. I programmi entreranno a regime con la definitiva approvazione del Quadro finanziario pluriennale 2021-2027.

Per approfondire: Erasmus+, Corpo europeo di solidarietà, Orizzonte europa, Europa digitale, Europa creativa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here