Fondo di solidarietà UE per i Paesi colpiti da maltempo e inondazioni

1003

Il commissario europeo per la Politica Regionale Johannes Hahn ha annunciato il 27 agosto scorso stanziamenti per 47 milioni di euro a favore di Italia, Grecia, Slovenia e Croazia, colpite tra fine 2013 e inizio 2014 da alcune catastrofi naturali.

I Fondi destinati all’Italia ammontano a 16,3 milioni di euro e dovranno essere impegnati nelle ricostruzioni in Sardegna, a seguito delle alluvioni del 2013; alla Grecia andranno 3,7 milioni di euro da impiegare a Cefalonia e nelle isole Ionie, colpite da eventi sismici a inizio 2014. Infine le risorse destinate a Slovenia (18,4 milioni) e Croazia (8,6 milioni) saranno utilizzate per riparare i danni delle tempeste di ghiacci che hanno colpito i due Paesi Balcanici nel primo bimestre 2014.

Secondo Il Commissario Hahn, cui compete la supervisione del Fondo la decisione “rispecchia la natura precipua di questo Fondo” profondamente caratterizzato da solidarietà tra Stati membri e con i Paesi vicini.

Hamm ha inoltre sottolineato che gli stanziamenti consentiranno ai Paesi interessati di “rimettersi dalle catastrofi che le hanno rispettivamente colpite e di coprire i costi degli interventi di emergenza”.

Annunciando la decisione UE Hann ha ribadito la specificità del fondo e delle sue destinazioni d’uso, collocandolo, però, nel contesto più ampio del sostegno allo sviluppo, cui intervengono anche i Fondi strutturali e i Fondi di investimento che “concentrano le loro risorse sul sostegno alle imprese, sulla ricerca e sull’innovazione, sulle TIC e su un’economia a basse emissioni di carbonio” e che quindi “possono aiutare queste regioni a trasformare la catastrofe che le ha colpite nell’opportunità di sviluppare un modello economico sostenibile basato sui loro punti di forza e sulle loro caratteristiche locali”.

Il sostegno, stanziato per mezzo del Fondo europeo di solidarietà, deve essere approvato dal Parlamento europeo e dal Consiglio. Se lo sarà, esso servirà a coprire in parte i costi degli interventi d’emergenza sostenuti dalle autorità pubbliche in questi quattro Stati membri in seguito alle catastrofi. La sovvenzione contribuirà in particolare a ripristinare le infrastrutture e i servizi vitali, a rimborsare i costi delle operazioni d’emergenza e di salvataggio e a coprire parte dei costi di ripulitura delle regioni colpite.

Clicca qui per saperne di più

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here