Erasmus+ diventa virtuale

523

Erasmus+ crea una piattaforma online per fare dialogare e mettere in contatto studenti dell’EU con i loro colleghi dei paesi meridionali all’Europa.

Oltre ai vari progetti di mobilità fisica di persone in Europa, Erasmus+ verrà arricchito con l’Erasmus+ Virtual Exchange, un progetto che si pone come obiettivo quello di promuovere il dialogo interculturale e accrescere le competenze di almeno 25000 giovani nei prossimi due anni, attraverso l’utilizzo di strumenti formativi digitali. Il progetto intende mettere in contatto i 33 paesi all’interno del programma Erasmus+, con paesi bagnati dal Mediterraneo meridionale: Algeria, Egitto, Israele, Giordania, Libano, Marocco, Palestina, Siria e Tunisia.

 

La versione online di Erasmus+ sarà un supplemento rispetto a quella precedente, mettendo in contatto giovani lavoratori, studenti e accademici dell’Europa con quelli del Nord Africa e parte del Medioriente. La piattaforma permetterà di creare gruppi progettuali transnazionali, oppure creare uno spazio per dibattiti on line su questioni di attualità come lo sviluppo economico o il cambiamento climatico.

 

Dal giorno in cui venne proposta la possibilità di  rendere Erasmus+ virtuale, molte università hanno manifestato il proprio interesse per poter offrire ai loro studenti un’istruzione del più alto livello possibile, sono già state organizzate: 50  partnership e sono stai formati 40 mediatori per regolare i dibattiti.

 

Per approfondire:

https://ec.europa.eu/commission/news/erasmus-goes-virtual-2018-mar-15_it

LASCIA UN COMMENTO