Dalla Commissione europea nuove proposte per riformare il processo di adesione

22

Un disegno di riforma che guarda ai Balcani

La Commissione europea ha recentemente presentato una proposta di riforma del processo di adesione all’Unione, finalizzato in particolar modo a ri-disciplinare i negoziati attualmente in corso con i Paesi dei Balcani – Macedonia e Albania in primis.

La proposta si articola lungo quattro direttive principali:

  • maggiore attenzione nei confronti delle riforme fondamentali, quali quelle concernenti lo Stato di diritto, l’economia e il corretto funzionamento delle istituzioni democratiche e della pubblica amministrazione dei Paesi candidati;
  • rafforzamento dell’impegno a livello politico, attraverso vertici periodici tra l’Unione e i Paesi coinvolti, maggiori contatti ministeriali e un maggior coinvolgimento degli Stati membri nel processo di monitoraggio;
  • razionalizzazione del processo negoziale, mediante accorpamento dei vari capitoli all’interno di sei gruppi tematici (questioni fondamentali; mercato interno; competitività e crescita inclusiva; agenda verde e connettività sostenibile; risorse, agricoltura e coesione; relazioni esterne) e definizione dei parametri per l’apertura in base a questi ultimi, in luogo dei singoli capitoli;
  • definizione puntuale degli obiettivi da raggiungere, e introduzione di un sistema premiale che ricompensi i processi di riforma maggiormente virtuosi attraverso accelerazioni del processo di integrazione, coinvolgimento anticipato nelle politiche, nel mercato e nei programmi Ue e maggiori finanziamenti.

La Commissione confida che l’approvazione della proposta possa giungere in tempo utile per il prossimo vertice Ue – Balcani occidentali, previsto a Zagabria per il 6 e 7 maggio.

Per approfondire: il comunicato della Commissione

Articolo precedenteRassegna stampa dall’8 febbraio al 14 febbraio 2020
Articolo successivoUna crescita stabile, ma modesta

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here