Dai confini dell’Europa

1035

Dal Caucaso brutti segnali per la pace. Il Parlamento georgiano alza la tensione votando una risoluzione che chiede il ritiro delle forze russe di peace-keeping in Ossezia del sud. Il prossimo passo e’ dichiarare la loro posizione illegale e, forse, intervenire militarmente per forzarne il ritiro. Ma puo’ la piccola Georgia, senza alcun supporto internazionale, permettersi di sfidare il gigante russo al di fuori del campo di rugby? Non bastera’ infatti, in caso di crisi, l’entusiasmo delle migliaia di persone che, la settimana scorsa, hanno celebrato per le strade di Tbilisi la schiacciante vittoria della nazionale contro la squadra di mosca, al grido di SA-KART-VE-LO, SA-KART-VE-LO!
Le prospettive sono grigie, ma l’ostinazione del governo georgiano sembra non avere limiti.
I membri di Apice in trasferta e, per ora, bloccati in Georgia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here