Avviata l’operazione EUNAVFOR MED contro i trafficanti di migranti.

1163

Nell’attuale clima di instabilità e preoccupazione, in particolare rispetto al vicinato meridionale, il 22 giugno 2015 il Consiglio dell’Unione Europea ha varato la nuova operazione navale EUNAVFOR MED per far fronte all’emergenza profughi e per smantellare l’attività “di chi trae vantaggio dalla miseria dei migranti” come sottolineato dall’Alto rappresentante UE per gli Affari esteri e la Politica di sicurezza, Federica Mogherini.

Per questa terza operazione di iniziativa europea, le risorse impiegate sono state triplicate rispetto alle precedenti (Triton 2014 e Poseidon 2006) e il piano di sviluppo sarà suddiviso in tre fasi: da un programma di stretta sorveglianza del Mediterraneo, all’eventuale fermo delle imbarcazioni sospette, fino alla cattura di trafficanti e passatori. Il mandato iniziale sarà di 12 mesi e la sede operativa a Roma.

La strategia adottata, che si colloca in un più ampio approccio dell’UE al problema migranti, si avvale della cooperazione dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (UNHCR) e di Paesi della regione dello Shael. Gli obiettivi prioritari e di immediato intervento saranno: limitare le perdite umane, diminuire il traffico di persone perseguendo i trafficanti, lavorare congiuntamente e solidariamente in previsione di una migrazione legale e protetta, nel totale rispetto del diritto internazionale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here