Aarhus e Pafos: Capitali europee della cultura 2017

1138

È del 1985 l’inaugurazione dell’iniziativa “La Capitale europea della Cultura” pensata dal ministro greco della Cultura, Melina Mercouri. L’iniziativa, nata allo scopo di promuovere le città che presentano un programma a forte valenza europea, vuole dare nuovi impulsi da un punto di vista sociale, economico e culturale alle città candidate.

A partire da gennaio 2017 il testimone passa dalle città di Wroclaw (Breslavia) e di San Sebastian (Spagna) a quella danese di Aarhus e a quella cipriota di Pafos. Le capitali che simbolicamente legano il nord e il sud dell’Europa hanno presentato programmi culturali molto ricchi e variegati.

Si comincerà il 21 gennaio con l’inaugurazione ad Aarhus, dove il tema cardine sarà “Ripensare”. Ripensare come la cultura, l’arte e la creatività possano aiutare l’uomo a ripensare i rapporti sociali, culturali, urbani ed economici. Aarhus sarà invasa da centinaia di bambini che insieme immagineranno il loro futuro “Ønskelandet” (il paese dei desideri), in una serie di eventi che prenderanno vita nella città. Si spazierà dal teatro con la rappresentazione di una saga vichinga, ad esposizioni artistiche che si svilupperanno nella capitale, fino al “Creativity World Forum”, forum mondiale sulla creatività e, ancora, un festival internazionale di letteratura per l’infanzia.

Il 28 gennaio toccherà, invece, a Pafos, prima città cipriota ad essere investita di questa importante opportunità di “Capitale della cultura”. Pafos con il suo “Linking Continents, Bridging Cultures” (collegare i continenti, avvicinare le culture), si avvale della propria esperienza multiculturale maturata grazie alla vicinanza geografica al Medio Oriente e all’Africa del Nord al fine di consolidare i legami tra paesi e culture. La città si trasformerà in un immenso teatro all’aperto, in una “Open Air Factory”, dove la tradizione culturale antica si fonderà con la contemporanea creatività di pensiero e di vita. La cerimonia di apertura vedrà la messa in scena del mito di “Pigmalione e Galatea”, protagonisti della storia di Pafos.

Le future Capitali europee della cultura saranno: nel 2018 La Valletta (Malta) e Leeuwarden (Paesi Bassi), nel 2019 Plovdiv (Bulgaria) e Matera (Italia) e nel 2020 toccherà a Fiume (Croazia) e Galway (Irlanda). Sono state recentemente candidate a diventare le tre capitali europee della cultura nel 2021, in attesa di ricevere la nomina ufficiale dalle autorità competenti, Timisoara (Romania), Eleusi (Grecia) e Novi Sad (Serbia, paese candidato).

Per approfondimenti:

Aarhus

Pafos

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here