8 marzo: rapporto Eurostat sulle donne in Europa

761

In occasione della festa della donna, il servizio statistico Eurostat ha pubblicato un rapporto sulla situazione delle donne nell’Ue, nei settori della demografia, dell’istruzione, delle competenze informatiche, come pure dell’occupazione e della disoccupazione, illustrandone i punti comuni e le differenze con gli uomini. La speranza di vita delle donne dovrebbe superare gli 80 anni in tutti gli Stati membri nel 2050, variando dagli 82 anni in Romania agli 89 in Francia. Il tasso di fecondità   nell’Ue-27 si è stabilito a 1,51, con Francia (1,92) e Irlanda (1,88), che fanno registrare i tassi più elevati, mentre Polonia (1,24) e Slovacchia (1,25) i più bassi. Nell’Unione Europea, nel secondo trimestre 2006, la percentuale di persone laureate era molto simile per le donne (24%) e per gli uomini (23%). Gli Stati membri con un maggior numero di donne laureate sono la Finlandia (42%), l’Estonia e la Danimarca (39%), mentre le percentuali più basse si osservano in Romania (12%), Repubblica Ceca e Malta (13%). In quasi tutti gli Stati membri, le donne studiano maggiormente le scienze umane e artistiche, mentre gli uomini le scienze fisiche, la matematica e l’informatica.
Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here