8 marzo: giornata internazionale della donna

960

In occasione della Giornata internazionale della donna, il Parlamento Europeo organizza una serie di eventi sul tema della “parità di retribuzione per il lavoro di pari valore”, per riportare così l’attenzione su uno dei valori fondamentali dell’UE: l’uguaglianza tra generi.

I nuovi dati, da poco pubblicati dalla Commissione Europea in occasione della Giornata europea per la parità retributiva del 2 marzo, hanno evidenziato come la differenza media tra la retribuzione oraria di uomini e donne riflette ancora la discriminazione e la disuguaglianza attualmente esistente sul mercato del lavoro. Il gap salariale tra i generi si aggira nell’EU attorno al 16,5%: si calcola che in media, una donna deve lavorare fino a marzo, ovvero 14 mesi, per guadagnare quanto un uomo in un anno.

Per una maggiore sensibilizzazione sul tema il PE ha realizzato un video, organizzato un seminario per giornalisti il 7 marzo, e nella giornata dell’8 marzo, una riunione interparlamentare aperta al pubblico, con deputati nazionali ed europei delle commissioni alle pari opportunità che discuteranno delle misure e delle pratiche legate al tema dell’equità salariale.

L’Ufficio d’informazione del Parlamento Europeo a Roma ha organizzato,  una serie d’incontri sul tema delle pari opportunità e dei diritti delle donne, che si svolgeranno nel mese di marzo con la partecipazione di diverse istituzioni, enti ed associazioni, tra cui i dipartimenti delle pari opportunità delle autorità nazionali e regionali, le università, associazioni ed ONLUS, al fine di coinvolgere l’intera società civile.

Per saperne di più 

Altre statistiche sulle differenze di genere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here