logo image

Per un’ Europa più competitiva necessaria responsabilità e solidarietà

Scritto da Apice il 13 marzo 2012  |  in Economia Stampa questo articolo

Il Presidente della Commissione Europea, José Manuel Barroso, nel suo discorso in occasione della plenaria del Parlamento Europeo del 13 marzo, ha commentato i risultati del Consiglio Europeo di primavera.
Dopo essersi congratulato con Van Rompuy, per la sua rielezione a Presidente del Consiglio EU, Barroso si è rivolto a tutti i membri del Parlamento riprendendo i principali risultati del Vertice, ricordando come il periodo di crisi che l’Europa sta affrontando non sia ancora del tutto passato. Auspicando l’impegno dei capi di Stato e di governo nel trovare misure in grado di stimolare la crescita, creare occupazione, per garantire prosperità futura all’Europa, Barroso si è soffermato in particolare su 3 progressi fondamentali, raggiunti nel Vertice, in grado di portare l’Unione Europea verso una rinnovata stabilità e una nuova crescita.

In primo luogo l’importanza di un’accordo per una risposta ai problemi della Grecia, in grado di offrire sostegno alle autorità e al popolo greco.

In secondo luogo, si è soffermato sull’impegno per la disciplina e la convergenza, manifestato con la firma del trattato di stabilità, di coordinamento e di crescita. La stabilità finanziaria, ricercata non solo dai paesi dell’area dell’euro, ma dei 25 dei 27 Stati membri attuali è per il Presidente della Commissione “un forte messaggio politico circa l’irreversibilità dell’euro…che non è solo la moneta di alcuni paesi, ma è la moneta dell’UE”.

Ultimi i progressi auspicati con la creazione di posti di lavoro attraverso l’attuazione del programma Europa 2020 per la crescita e l’occupazione. Barroso ha così ricordato “come la stabilità finanziaria sia indispensabile, ma non è sufficiente… è necessaria anche la crescita economica”.
Ha poi ricordato la proposta della Commissione per l’istituzione di una tassa sulle transazioni finanziarie, che fa molto discutere l’opinione pubblica dei Paesi membri, e gli sforzi messi in campo per creare misure concrete in grado di combattere l’evasione fiscale e la frode.
Nell’ultima parte del suo discorso Barroso ha poi richiamato l’attenzione sull’importanza del quadro finanziario pluriennale 2014-2020 che sarà presto discusso con gli Stati membri, motore della crescita prevista nel programma Europa 2020.

Il Presidente ha poi concluso il suo intervento ricordando come “ora più che mai si senta il bisogno di un’Europa più competitiva che offra stabilità e crescita attraverso la responsabilità e la solidarietà”.

Per saperne di più

 

 

 

I tuoi commenti

News recenti
Approfondimenti

I vostri commenti

  • Donato Galeone { E' probabile, a mio avviso, che il nostro Presidente del Consiglio Matteo Renzi, il 1°dicembre 2014 a Roma in Senato, nella riunione plenaria della Conferenza... } – 4 dicembre 2014
  • donato { Mi permetto anch'io (tarantino di Leporano ed oggi residente a Roma) che ho vissuto a Matera dal 1959 al 1964,di partecipare con gioia la notizia... } – 26 ottobre 2014
  • Carlo Ferraris { Federica Mogherini è la persona giusta al posto giusto. Anche se è stata proposta da Renzi, è il contrario di lui: non fa annunci, non... } – 1 settembre 2014
  • Luciano Corradini { Richiamo opportuno. La programmazione informatica di base presuppone e sviluppa competenze intellettuali e relazionali importanti non solo sul piano tecnoco-professionale.Occorre però non dimenticare la componente... } – 20 agosto 2014
  • Pier Giorgio Visintin { Segnalo l'articolo su "la voce info" di Roberto Perotti e Filippo Teoldi del 03/07/14 "Il disastro dei fondi strutturali europei" che deve essere stato ripreso... } – 7 luglio 2014

Archivio articoli


BACHECA APICE

Siti consigliati

  • ASGI
  • ETUC
  • ETUI
  • Euronote
  • ewSpazio Europa Fondazione CRC
  • Il mondo a scuola, a scuola del mondo
  • Osservatorio sociale europeo
  • Ufficio Pastorale Migranti Torino