logo image

Per un’ Europa più competitiva necessaria responsabilità e solidarietà

Scritto da Apice il 13 marzo 2012  |  in Economia UE e Zona Euro Stampa questo articolo

Il Presidente della Commissione Europea, José Manuel Barroso, nel suo discorso in occasione della plenaria del Parlamento Europeo del 13 marzo, ha commentato i risultati del Consiglio Europeo di primavera.
Dopo essersi congratulato con Van Rompuy, per la sua rielezione a Presidente del Consiglio EU, Barroso si è rivolto a tutti i membri del Parlamento riprendendo i principali risultati del Vertice, ricordando come il periodo di crisi che l’Europa sta affrontando non sia ancora del tutto passato. Auspicando l’impegno dei capi di Stato e di governo nel trovare misure in grado di stimolare la crescita, creare occupazione, per garantire prosperità futura all’Europa, Barroso si è soffermato in particolare su 3 progressi fondamentali, raggiunti nel Vertice, in grado di portare l’Unione Europea verso una rinnovata stabilità e una nuova crescita.

In primo luogo l’importanza di un’accordo per una risposta ai problemi della Grecia, in grado di offrire sostegno alle autorità e al popolo greco.

In secondo luogo, si è soffermato sull’impegno per la disciplina e la convergenza, manifestato con la firma del trattato di stabilità, di coordinamento e di crescita. La stabilità finanziaria, ricercata non solo dai paesi dell’area dell’euro, ma dei 25 dei 27 Stati membri attuali è per il Presidente della Commissione “un forte messaggio politico circa l’irreversibilità dell’euro…che non è solo la moneta di alcuni paesi, ma è la moneta dell’UE”.

Ultimi i progressi auspicati con la creazione di posti di lavoro attraverso l’attuazione del programma Europa 2020 per la crescita e l’occupazione. Barroso ha così ricordato “come la stabilità finanziaria sia indispensabile, ma non è sufficiente… è necessaria anche la crescita economica”.
Ha poi ricordato la proposta della Commissione per l’istituzione di una tassa sulle transazioni finanziarie, che fa molto discutere l’opinione pubblica dei Paesi membri, e gli sforzi messi in campo per creare misure concrete in grado di combattere l’evasione fiscale e la frode.
Nell’ultima parte del suo discorso Barroso ha poi richiamato l’attenzione sull’importanza del quadro finanziario pluriennale 2014-2020 che sarà presto discusso con gli Stati membri, motore della crescita prevista nel programma Europa 2020.

Il Presidente ha poi concluso il suo intervento ricordando come “ora più che mai si senta il bisogno di un’Europa più competitiva che offra stabilità e crescita attraverso la responsabilità e la solidarietà”.

Per saperne di più

 

 

 

I tuoi commenti

News recenti
Approfondimenti

I vostri commenti

  • enrico gonzales { Ormai è trascorsa una settimana dalle ultime morti in mare; La contabilità ci ha detto che è la più grande tragedia dal dopoguerra. Il cuore... } – 26 aprile 2015
  • Luciano Corradini { Impegno lodevole quello del Commissario europeo per istruzione, cultura, giovani e sport Tibor Navracsics. Si spera che i colleghi ministri dei Paesi membri, convocati per... } – 13 aprile 2015
  • Pier Giorgio Visintin { Ecco un argomento che andrebbe messo, squinternato, sul tavolo per tutti! Perché non si sa che cosa ci sia dentro a sto "Ttip". I contenuti... } – 22 marzo 2015
  • Donato Galeone { Dott. Franco Chittolina, ho letto il testo della Sua relazione. Ottima la sintetica ricostruzione storica di "Europa tra pace e guerra" con la essenzialità di... } – 19 marzo 2015
  • Lorenzo Guasco { Oggigiorno l'Europa è messa a dura prova da due focolai molto difficili da spegnere, Ucraina e Grecia. Sono due questioni talmente impellenti da aver assorbito... } – 6 marzo 2015

Archivio articoli


BACHECA APICE

    Lettera aperta ai presidenti

    A qualche giorno dal Consiglio europeo dei capi di Stato e di governo del 25-26 giugno il professor Roberto Castaldi ha promosso una lettera  aperta ai presidenti di Commissione, Consiglio, Parlamento, BCE ed Eurogruppo .
    Nel giro di pochi giorni la lettera ha ricevuto oltre 300 adesioni
    Per leggere il testo della lettera sul sito di APICE visita la pagina dedicata

    Per ulteriori adesioni si puà accedere al sito del Centro di Comunicazione, formazione e progettazione sull'Unione Europea e sulla Global Governance 

    3 luglio 2015 : Cuneo Cantiere d'Europa

    Venerdì 3 luglio presso il Salone d'Onore del Comune di Cuneo (Via Roma 28) alle ore 17,30 si svolgerà un incontro al cui centro sarà un dialogo sugli interventi di riqualificazione urbana attivati a Cuneo e sulle opportunità che l’Europa può offrire al territorio.
    Interverranno: Alberto Valmaggia (Assessore Regionale Ambiente, Urbanistica, Programmazione territoriale e paesaggistica, Sviluppo della montagna, Foreste, Parchi, Protezione Civile); Luca Serale (Vicesindaco di Cuneo); Giuseppe Benedetto (Regione Piemonte, esperto di Fondi strutturali UE).

    Conclude Federico Borgna, Sindaco di Cuneo
    Introduce e modera Franco Chittolina, Presidente APICE

    Scarica l'invito - Scarica il programma

Siti consigliati

  • ASGI
  • ETUC
  • ETUI
  • Euronote
  • ewSpazio Europa Fondazione CRC
  • Il mondo a scuola, a scuola del mondo
  • Osservatorio sociale europeo
  • Ufficio Pastorale Migranti Torino