Violenze di Boko Haram, L’UE presta soccorso agli sfollati

1986

Lo scorso 15 luglio la Commissione ha messo a disposizione  58,2 milioni di euro per aiutare la popolazione raccolta attorno al bacino del lago Chad, vittima degli atavici mali della denutrizione e delle malattie, alle quali si è aggiunta l’atroce violenza di Boko Haram. I contributi europei serviranno ad assicurare cibo, riparo, acqua potabile e assistenza sanitaria, oltre alla protezione delle comunità di accoglienza degli sfollati.

La Nigeria è senza dubbio il Paese più colpito: i terribili crimini commessi dal gruppo terroristico Boko Haram si sono sentiti soprattutto in questa zona e sono stati tali da procurare circa 2,1 milioni di sfollati. Per fuggire dalla violenza si scappa anche da Ciad e Camerun, dove le partenze sono state stimate intorno alle 250.000 unità e, in generale negli Stati confinanti il Niger, si pensa siano circa 300.000.

Proprio per dare un supporto a queste persone, che abbandonano la propria casa e la propria vita dinnanzi a tanta morte e dolore, l’Unione Europea ha aumentato l’ammontare di aiuti umanitari nella regione raccolta attorno al bacino del lago Chad a più di 58 milioni.

Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here