Vicinato meridionale: una nuova Agenda per il Mediterraneo

81

L’Alto Rappresentante per la politica estera, Josep Borrell, e la Commissione europea hanno proposto una nuova Agenda per il Mediterraneo che rilanci e rafforzi, con iniziative più moderne, la cooperazione con il vicinato mediterraneo.

Sono passati ormai 25 anni dalla Dichiarazione di Barcellona che varava il partenariato euromediterraneo con l’obiettivo di creare un’area di pace, prosperità e scambi umani e culturali. Oggi, gli obiettivi dichiarati a Barcellona non sono stati raggiunti e la regione del Mediterraneo si trova ad affrontare una serie di nuove sfide sociali, economiche, ambientali e di sicurezza aggravate dalla pandemia di COVID-19. Per questo motivo, è sorta la necessità di pensare ad una nuova Agenda per il vicinato Mediterraneo, che tenga conto delle sfide presenti e future.

Una rinnovata Agenda che si basa sui principi della cooperazione e del partenariato, per trasformare le sfide comuni in opportunità sulle due sponde del Mediterraneo. L’Agenda si incentrerà su 5 settori d’intervento:

1. Sviluppo umano, buongoverno e Stato di diritto, attraverso la diffusione dei principi democratici e dei diritti umani.

2. Resilienza, prosperità e transizione digitale, con l’obiettivo di creare opportunità per tutti, specialmente per le donne e per i giovani.

3. Pace e sicurezza (vedasi il caso, ad esempio, della Siria).

4. Migrazione e mobilità, agevolando percorsi legali e sicuri per la migrazione e lo spostamento.

5. Transizione verde, resilienza climatica, energia e ambiente.

L’Agenda sarà finanziata da un apposito piano di investimenti economici, sostenuti in gran parte dal nuovo strumento di vicinato, cooperazione allo sviluppo e cooperazione internazionale dell’UE (NDICI), che, per il periodo 2021-2027, erogherebbe fino a 7 miliardi di €, un investimento che potrebbe mobilitare altri 30 miliardi di € di investimenti privati e pubblici nei prossimi dieci anni.

Per saperne di più: il comunicato della Commissione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here