Previsioni crescita: “navighiamo ancora in acque agitate”

967

La Commissione Europea ha reso note le previsioni autunnali per la crescita 2012-14: già dal titolo del documento, “Navighiamo ancora in acque agitate”, appare chiaro come le prospettive di breve termine restino precarie per l’economia dell’UE.
La Commissione prevede nel 2012 una contrazione del PIL su base annua pari allo 0,3% nell’UE e allo 0,4% nell’eurozona, mentre per il 2013 è attesa una crescita allo 0,4% nell’UE dei 27 e allo 0,1% nell’UE dei 17, con un leggero consolidamento previsto solo nel 2014: secondo le stime, il PIL aumenterà dell’1,6% nell’UE e dell’1,4% nell’eurozona.
“I gravi squilibri interni ed esterni accumulati negli anni precedenti la crisi sono in via di riduzione, ma il processo continua a pesare sulla domanda interna di alcuni paesi e l’attività economica varia sensibilmente tra gli Stati membri.” Il documento continua con la previsione di “un progressivo aumento delle esportazioni che si coniuga con l’inizio di una ripresa degli scambi mondiali”, anche grazie ai “progressi registrati nel consolidamento delle finanze pubbliche”.
I risultati delle riforme strutturali insieme ai passi avanti compiuti nell’architettura dell’UEM previsti nel 2014, dovrebbero “così spianare la strada ad un’espansione maggiore e più equamente ripartita”.
Nel 2013 la disoccupazione dovrebbe raggiungere il picco attestandosi appena sotto l’11% nell’UE e il 12% nella zona euro, ma con ampie differenze tra gli Stati membri: la ripresa del mercato del lavoro sarà lenta e a pagarne le conseguenze saranno soprattutto i giovani con il rischio, avverte la Commissione, “di perdere una generazione”.
La situazione del nostro Paese preoccupa non poco, con previsioni di una debole crescita nel 2014, soprattutto in relazione degli altri Paesi dell’UE, con forti preoccupazioni sulla finanza pubblica e sulla drammaticità del mercato del lavoro.

Per consultare la relazione dettagliata clicca qui

Clicca qui per consultare le previsioni dettagliate sull’Italia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here