L’uso di dispositivi digitali in Ue

65

Secondo un sondaggio Eurostat, nel 2022, quasi il 30% degli occupati nell’UE di età compresa tra 15 e 74 anni ha dichiarato di utilizzare dispositivi digitali per l’intero o la maggior parte del proprio orario di lavoro.

Nel complesso, più donne che uomini hanno segnalato tale utilizzo di dispositivi digitali. Questo utilizzo ha raggiunto il picco per entrambi i sessi nella fascia di età 30-44 anni (36% per le donne contro il 29% degli uomini), per poi diminuire nella fascia di età 45-59 anni (31% per le donne, 23% per gli uomini) e 60-74 (24% per le donne, 19% per gli uomini).

Tra i paesi dell’UE, i tassi più elevati per le persone di età compresa tra 15 e 74 anni sono stati registrati in Lussemburgo (47% degli occupati), Paesi Bassi e Svezia (entrambi 41%), mentre quelli più bassi sono stati registrati in Romania, Bulgaria e Grecia (tutte al 12%).

Nell’UE nel suo complesso, la percentuale di occupati che utilizza dispositivi digitali durante tutto o la maggior parte del proprio orario di lavoro è aumentata con il livello di istruzione, indipendentemente dal sesso. Tra le persone con un livello di istruzione basso o medio, le donne presentano quote più elevate rispetto agli uomini; questa tendenza si inverte tra le persone con un alto livello di istruzione, dove le donne registrano una quota del 44%, mentre gli uomini del 47%.

Per maggiori informazioni: Statistiche Articolo spiegato sulle statistiche sull’occupazione – utilizzo delle competenze lavorative; Sezione tematica sul mercato del lavoro; Sezione tematica sulle competenze; Banca dati sul mercato del lavoro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here