L’UE investe nell’educazione di 70 mila bambini siriani rifugiati in Turchia

835

La Commissione europea ha accordato un totale di 270 milioni di euro a favore della costruzione ed equipaggiamento di nuovi edifici scolastici destinate ai bambini siriani rifugiati in Turchia. Grazie a questi investimenti, oltre 70 mila rifugiati siriani ora presenti nella zona meridionale del paese, presto potranno usufruire di un centinaio di nuove scuole. I fondi europei saranno inoltre utili al Ministero turco della Pubblica Istruzione  per la gestione delle infrastrutture educative già presenti nel paese.

Johannes Hahu, Commissario europeo per la politica di vicinato e i negoziati per l’allargamento, ha affermato: “L’UE continua a sostenere fermamente il proprio supporto ai rifugiati siriani residenti in Turchia. Grazie ai 270 milioni di euro oggi accordati, miglioreremo le infrastrutture esistenti, permettendo ad oltre 70 mila rifugiati di accedere al servizio scolastico nel paese. Siamo fiduciosi nella possibilità di accordare presto ulteriori finanziamenti in ambito sanitario, socio economico e a favore delle  infrastrutture municipali, al fine di concedere ai rifugiati e alle loro famiglie una prospettiva di futuro migliore.”

Il supporto della commissione è implementato dalla Kreditanstalt für Wiederaufbau (KfW) e dalla Banca Mondiale. I fondi sono stati prelevati dallo Strumento per la Turchia a favore dei rifugiati (200 milioni di euro sono parte di 1.4 miliardi della Misura Speciale adottata dalla Commissione alla fine di Luglio) e dal fondo fiduciario regionale dell’UE in risposta alla crisi siriana (70 milioni).

Da marzo 2016 l’Unione Europea ha mobilitato 2.2 miliardi di euro sui totali 3 miliardi previsti dallo Strumento per la Turchia a favore dei rifugiati. Quest’ultimo supporta sia l’implemento del patto sottoscritto da Turchia e UE,  sia l’accordo bilaterale UE-Turchia rivolto ai bisogni di massima priorità dei rifugiati siriani e della comunità turca ospitante.

Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here