La presidenza maltese sulla questione migratoria: “è l’ora della solidarietà fra stati”

870

Uno dei primi atti della presidenza maltese del Consiglio dei Ministri della UE, insediatasi ad inizio anno, è stato quello di riferire alla Commissione per le libertà civili del Parlamento europeo, pochi giorni fa. Il Ministro per gli affari interni e la sicurezza nazionale di Malta, Carmelo Abela, ha espresso in questa occasione la volontà di appianare le divergenze fra stati membri sul tema della migrazione. Il principio di solidarietà fra stati europei, ha affermato, deve riguardare anche questo ambito. In un quadro di complessiva diminuzione dei flussi rispetto al 2015 in virtù dell’accordo siglato con la Turchia e di una contestuale accresciuta pressione migratoria sull’Italia con un sensibile aumento delle morti in mare, Abela ha ribadito la priorità da accordare all’accoglienza dei richiedenti asilo aventi diritto e al rimpatrio degli altri migranti.

E’ seguito un dibattito con alcuni membri della Commissione Europea che ha toccato temi interessanti. Molti interventi hanno ripreso la questione dell’accordo con la Turchia. Alcuni parlamentari hanno ribadito una netta contrarietà, definendo l’accordo “illegale ed immorale”. Altri hanno invece ventilato la possibilità di replicarlo con il governo libico. Su questo punto l’UNCHR, per bocca del suo rappresentante, ha espresso la sua contrarietà. Cecilia Wilkström ha poi sottolineato le mancanze della riforma di Dublino per quanto riguarda i minori non-accompagnati, evidenziando l’allarmante dato circa la sparizione sul suolo europeo di molti individui. Alcuni parlamentari hanno ricordato la necessità di creare vie legali per l’ingresso: Barbara Spinelli ha sottolineato il rischio del consolidamento in Europa di una significativa sottoclasse sociale. Infine è stata evidenziata l’urgenza di un sistema comune e snello di registrazione dei richiedenti asilo, per evitare in futuro di essere colti impreparati come successo nel 2015.

Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here