Ján Figeľ è il primo Inviato Speciale per la promozione della libertà di religione e di credo

1096

Il 6 maggio 2016 l’ex Commissario europeo Ján Figeľ è stato eletto come primo Inviato Speciale per la promozione della libertà e di religione fuori dai confini dell’Unione Europea con un mandato iniziale di un anno.

In questa occasione, il Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha dichiarato che “la libertà di religione e di credo è un diritto fondamentale, è pietra miliare dei valori fondanti dell’Unione europea. La persistente persecuzione delle minorità etniche e religiose ha reso essenziale la protezione e la promozione della libertà dentro e al di fuori dell’Unione”. Inoltre, egli ha espresso grande fiducia nel neo Inviato Speciale Figel’, incaricandolo di aiutare l’Unione nello sforzo di accrescere la difesa di questo diritto e a dare la giusta attenzione alla questione.

Il Parlamento europeo supporta l’iniziativa tramite la risoluzione del 4 febbraio 2016, grazie alla quale viene data una grande importanza alla promozione e alla protezione della libertà di religione e di credo fuori dall’Unione europe. Grazie a specifici programmi con Paesi terzi, l’Inviato Speciale si occuperà di svolgere il ruolo di consigliere speciale per il Commissario della Cooperazione Internazionale e Sviluppo Neven Mimica. Inoltre, si occuperà di stendere un rapporto sul dialogo esistente tra la Commissione europea e le Chiese, le associazioni e le comunità religiose.

Ján Figeľ vanta di una grande esperienza negli affari internazionali europei in quanto è stato Commissario europeo per l’Educazione, formazione, cultura e gioventù dal 2004 al 2009.

Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here