Integrazione dei rom: accordo al Consiglio Europeo

972

Il Consiglio Europeo ha adottato le proposte elaborate dall’aprile 2011 dalla Commissione Europea, dando il via ad un piano di contrasto all’esclusione della più grande minoranza etnica presente sul territorio dell’UE.
Tocca ora agli Stati membri varare piani nazionali che si sviluppino su quattro assi portanti: istruzione, occupazione, salute e abitazione. I piani nazionali dovranno essere presentati entro la fine del 2011 e saranno valutati dalla Commissione Europea nella primavera 2012.
Soddisfazione per l’accordo raggiunto è stata espressa da Viviane Reding, vicepresidente della Commissione Europa e commissaria per la Giustizia, che ha parlato di «un enorme passo avanti per i milioni di rom che vivono in Europa» e di «segnale forte» inviato dall’UE in merito all’«incompatibilità   tra l’esclusione sociale dei rom, i nostri valori sociali e il nostro modello economico».
Ringraziando quanti hanno profuso il loro impegno per arrivare a questo risultato e augurandosi di «poter vedere al più presto come ciascun governo nazionale intende arrivare a una migliore integrazione delle popolazioni rom nel proprio Paese», Reding ha affermato: «ora è il momento di trasformare le parole in azioni. Il quadro UE non puಠportare ad esiti positivi senza il forte e costante sostegno di tutti gli Stati membri».
Anche il commissario per l’Occupazione, gli affari sociali e l’inclusione Là ¡szlà ³ Andor ha auspicato strategie nazionali «ambiziose e realistiche» sottolineando che il peggioramento della situazione dei rom registrato in tutta l’Europa richiede un reale cambiamento di scenario.
«I rappresentanti dei rom – ha concluso Andor – possono svolgere un ruolo decisivo nel garantire che le strategie di integrazione di tali popolazioni siano adeguate ed efficacemente attuate», senza dimenticare «un’attività   di controllo per assicurare che le strategie nazionali siano effettivamente poste in atto e che i fondi destinati all’integrazione dei rom arrivino realmente ai beneficiari».

Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here