Giuristi di domani e diritti fondamentali: il premio del Consiglio d’Europa

816

Tra il 23 e il 25 febbraio 2015 presso la Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo si è tenuta la fase finale della terza edizione del Concorso europeo di perorazione giuridica, organizzato dall’Associazione europea degli studenti in giurisprudenza (ELSA – European Law Students Association), con il sostegno del Consiglio d’Europa. Scopo del concorso è quello di fornire una formazione pratica sulla Convenzione europea dei diritti dell’uomo e sulla sua attuazione a studenti di giurisprudenza che saranno i giudici, gli avvocati o i giuristi di domani. La giuria, composta da illustri personalità tra cui giudici della Corte ed esponenti del mondo accademico, è stata presieduta da Robert Spano, giudice presso la Corte europea dei diritti dell’uomo. Il concorso consisteva nella riproduzione della procedura seguita per l’esame di un ricorso dinanzi alla Corte europea dei diritti dell’uomo.

Centosei squadre provenienti da trenta Paesi europei si sono affrontate nella discussione di un caso fittizio riguardante le minoranze, in particolare i diritti riproduttivi e parentali delle persone LGBT (Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender). La gara è stata vinta dagli studenti dell’Università nazionale e capodistriana di Atene, che nella fase finale del concorso si sono confrontati con i colleghi di Essex (Regno Unito). Alcuni degli altri premi aggiudicati sono stati nell’ordine: quello di miglior oratore assegnato a Myrto Stavridi, studente dell’Università nazionale e capodistriana di Atene; il premio per le migliori osservazioni scritte per il convenuto conferito a due squadre: all’Università di Essex e all’Università Democrito di Tracia (Grecia); il premio per le migliori osservazioni scritte per il ricorrente conferito a due squadre: l’Università nazionale e capodistriana di Atene e l’Università di Tilburg (Paesi Bassi).

Clicca qui per saperne di più

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here