Eurostat: istruzione verso il raggiungimento degli obiettivi di Europa 2020

1172

Eurostat ha diffuso nei giorni scorsi alcuni dati sul livello di istruzione nei 28 Stati membri dell’Unione in relazione agli obiettivi di Europa 2020.

Le statistiche pubblicate sulla percentuale di abbandono scolastico e di completamento degli studi di livello universitario rivelano che si sta andando verso il raggiungimento di uno degli obiettivi della strategia Europa 2020: migliorare il livello di istruzione dei cittadini dell’UE.
Nel 2013 la percentuale di giovani adulti (tra i 30 e i 34 anni) che hanno completato un percorso di istruzione “terziaria” (ovvero di livello universitario e post-universitario) è salita al 37%. L’obiettivo della strategia Europa 2020 è portare la percentuale almeno al 40% entro il 2020 (nel 2002, anno della prima rilevazione il dato era al 24%).
La strategia aspira inoltre a far si che la percentuale di abbandono scolastico dei giovani tra 18 e 24 anni scenda al di sotto del 10%. Nel 2013 la percentuale era scesa dal 17% (2002) al 12%, pertanto l’obiettivo fissato per il 2020 non appare molto lontano. L’Italia risulta avere la percentuale più bassa (22,4%) di giovani adulti che hanno completato percorsi di istruzione universitaria, con una netta prevalenza delle donne (27,2%) rispetto agli uomini (17,7%). Per quanto riguarda l’abbandono scolastico, l’Italia si ferma al 17%, media tra il 20,2% di uomini e il 13,7% di donne: il calo tra il 2012 e il 2013 è stato solo dello 0,6%.

Irlanda, Lussemburgo e Lituania fanno registrare la percentuale più alta di giovani adulti che hanno completato un percorso di studi universitario, con percentuali che superano il 51%. Alcuni paesi hanno subito un forte incremento tra il 2002 e il 2013: il Lussemburgo è passato dal 23,6% al 52,5%, la Polonia dal 14,4% al 40,5% e la Romania dal 9,1% al 22,8%. Sul fronte dell’abbandono scolastico le percentuali più basse si riscontrano in Croazia (3,7%), Slovenia (3,9%), Repubblica Ceca (5,4%) e Polonia (5,6%), mentre i paesi dove i giovani tra i 18 e i 24 anni abbandonano maggiormente gli studi sono Spagna (23,5%), Malta (20.9%) e Portogallo (19,2%).

Clicca qui per saperne di più

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here