Diari d’Europa #425 – UE, tariffe telefoniche in discesa

43

Molte cose sono cambiate in questi ultimi dieci anni (2010-2020) nell’Unione Europea: siamo usciti da una grave crisi economica e finanziaria per passare a quella sanitaria del Covid 19 e siamo passati da l’UE a 28 a quella dei 27, con la secessione britannica. L’economia è finita sulle montagne russe e ancora oggi la ripresa stenta in una piatta pianura. Ma nel frattempo qualcosa si è mosso e non sono state tutte brutte notizie. Per esempio a proposito i costi delle nostre fitte conversazioni telefoniche, con una caduta importante delle tariffe grazie a una concorrenza crescente tra operatori.

L’Italia ha registrato una riduzione delle tariffe di un terzo (-32,9%), poco meno la Francia (-29,1%) a fronte di  una media europea di –18%, sotto la quale si posiziona la Germania (-14,8%) e la Spagna (-13,5%).

E’ invece costata cara al Regno Unito la sua uscita dall’Unione Europea, con un’impennata delle tariffe telefoniche di +29,6%. Difficile che il balzo sia dovuto a un allargamento della Manica e a una maggiore distanza dell’isola dal continente, visto che a tenerci comunque vicini sono i satelliti in spazi lontani. Intanto siamo riconoscenti all’UE se in tempi di confinamento abbiamo potuto intensificare le nostre comunicazioni, almeno con gli inseparabili cellulari. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here