Dal CESE la richiesta di un’iniziativa europea sul reddito minimo

320

Il parere adottato in plenaria sollecita la Commissione ad agire a livello europeo contro la povertà

Il Comitato economico e sociale europeo (CESE) ha recentemente emanato un parere d’iniziativa “Per una direttiva quadro europea in materia di reddito minimo”, mediante il quale le istituzioni europee vengono sollecitate ad adottare una cornice normativa vincolante che garantisca un reddito minimo a tutti i cittadini dell’Unione, proporzionato al costo della vita nei rispettivi Paesi membri di residenza.

Secondo il parere del CESE, una direttiva in materia consentirebbe il superamento dell’attuale strumento di contrasto della povertà, il Metodo aperto di coordinamento (MAC) un meccanismo di cooperazione non vincolante sul piano giuridico che non ha sinora portato al conseguimento dei risultati sperati, in rapporto all’impegno assunto di ridurre di 20 milioni di unità il numero di cittadini europei a rischio di povertà.

Il parere è stato adottato a grande maggioranza (158 voti a favore, 81 contrari e 12 astensioni) su proposta del gruppo Lavoratori del CESE; si segnala, tuttavia, l’opposizione del gruppo Datori di lavoro, secondo il quale la materia, in ossequio al principio di sussidiarietà, dovrebbe restare di competenza dei singoli Stati membri e, inoltre, non sussisterebbero i fondamenti giuridichi per l’adozione di una direttiva di tale portata.

Per approfondire: il comunicato del CESE

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here