COVID-19: la Commissione propone linee guida condivise per il ricorso alle app di tracciamento

98

La Commissione europea ha formulato le proprie raccomandazioni in merito al ricorso ad applicazioni di tracciamento nel novero delle misure da adottare per contrastare l’epidemia di COVID-19.

L’obiettivo della Commissione è duplice: in primis, fornire linee guida comuni europee per il ricorso alle sommenzionate applicazioni; in secondo luogo, coordinare l’utilizzo dei dati raccolte con queste ultime per la formulazione di modelli predittivi in grado di definire preventivamente la possibile evoluzione della diffusione del virus.

Per quanto concerne il ricorso alle applicazioni di tracciamento, la Commissione propone lo sviluppo e l’adozione di alcuni strumenti condivisi sotto la governance delle autorità sanitarie nazionali, in stretto coordinamento con il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie; accanto a questi, andranno emanate misure idonee a garantire l’effettiva efficacia delle applicazioni di tracciamento, prevenendo la diffusione di applicazioni incompatibili tra loro e facilitando la circolazione dei dati raccolti e la condivisione di buone prassi tra le varie autorità dei diversi Paesi. La Commissione fornirà, inoltre, le linee guida atte a far sì che l’adozione e l’utilizzo degli strumenti avvenga nel pieno rispetto della disciplina europea sulla protezione dei dati personali.

Per quanto concerne l’analisi dei dati raccolti, gli strumenti oggetto della proposta della Commissione contribuiranno allo sviluppo di modelli comuni di analisi previsionale, allo scopo di poter migliorare sensibilmente le valutazioni sull’efficacia delle misure di contenimento, sulla frequenza dei contatti interpersonali e sulla futura evoluzione del rischio da contaminazione; a tale scopo, i dati raccolti verranno resi “anonimi” e trasmessi al Centro comune di ricerca dell’UE (JRC).

La Commissione sta altresì coinvolgendo tutti gli operatori telefonici attivi nell’UE, allo scopo di garantire una copertura uniforme su tutto il territorio. 

A partire dalla raccomandazione della Commissione e collaborando con quest’ultima, gli Stati membri stanno ora procedendo alla puntuale definizione degli strumenti di tracciamento da adottare. 

Per approfondire: il comunicato della Commissione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here