Copenaghen: appello comune da giornali di tutto il mondo

997

«L’umanità   si trova ad affrontare una grave emergenza», per questo 56 giornali di 45 Paesi hanno deciso di «parlare con una unica voce» in un editoriale comune, esortando i leader politici a «fare la scelta giusta» alla Conferenza dell’ONU sui cambiamenti climatici apertasi a Copenaghen.
L’articolo, pubblicato sui principali quotidiani di tutto il mondo (per l’Italia «la Repubblica») in un’iniziativa unica per importanza e diffusione, sottolinea infatti come i rappresentanti politici che si riuniscono a Copenaghen «hanno la possibilità   di decidere quale sarà   il giudizio della storia su questa generazione: una che ha capito la minaccia e che ne è stata all’altezza con le sue azioni oppure una talmente stupida da aver visto arrivare la catastrofe e da non avere fatto alcunchà© per impedirla».
Dando un esempio di unità   transnazionale per un obiettivo comune, i 56 giornali osservano che senza unità   per intraprendere azioni decisive «il cambiamento climatico devasterà   il nostro pianeta e con esso la nostra prosperità   e la nostra sicurezza». I fatti sono evidenti e amare le constatazioni su quanto fatto finora: «11 degli ultimi 14 anni sono stati i più caldi mai registrati, la calotta artica si sta sciogliendo e i surriscaldati prezzi del petrolio e dei generi alimentari sono solo un assaggio della distruzione che ci attende. Sulle pubblicazioni scientifiche la domanda non è più se la causa sia imputabile agli essere umani, ma quanto è breve il tempo che abbiamo ancora a disposizione per contenere i danni. Nonostante tutto cià², fino a questo momento la risposta del mondo è stata tiepida e debole».
La richiesta ai partecipanti alla Conferenza dell’ONU è di trovare un accordo per contenere entro i 2 °C gli incrementi della temperatura, un obiettivo che richiederà   che il picco globale delle emissioni e l’inizio del loro successivo decremento avvenga entro i prossimi 5-10 anni. «Ci appelliamo ai rappresentanti dei 192 Paesi riuniti a Copenaghen affinchà© non esitino, non si lascino prendere la mano dalle controversie e non si accusino reciprocamente, ma che ricavino delle opportunità   dal più grande fallimento della moderna politica» si legge nell’editoriale comune, che ammonisce: «Si dovrebbe evitare una lotta tra il mondo ricco e quello povero o tra Occidente e Oriente. Il cambiamento climatico colpisce tutti e deve essere risolto da tutti».

Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here