CESE: per l’Abruzzo l’UE attivi il Fondo di solidarietà  

1692

Per contribuire ad affrontare l’emergenza determinata dal terremoto in Abruzzo, il Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE) ha chiesto all’UE di rendere attivo il Fondo di solidarietà   per le catastrofi naturali, istituito nel 2002.
L’appello è giunto dal presidente del CESE, Mario Sepi, secondo il quale l’Europa, che sta assistendo con grande commozione e solidarietà   a questa catastrofe, potrebbe mobilitare «nel più breve tempo possibile e secondo il massimo del loro potenziale», le risorse disponibili nel quadro dei fondi strutturali attraverso lo strumento del Fondo di solidarietà   dell’UE.
In particolare, coerentemente con lo spirito di costante affermazione del principio di solidarietà   sociale e civile «sempre incarnato dal CESE», il suo presidente richiama l’UE a mettere in atto quei criteri «di urgenza e di capacità   di reazione rapida in situazioni di crisi» che il Comitato aveva espresso già   nel 2005 attraverso un suo parere sulla necessità   di rivedere il funzionamento del Fondo di solidarietà   dell’UE.
Il CESE ritiene infatti che proprio in momenti come questi l’Europa debba dare un segnale politico chiaro e dimostrare di «saper apportare una soluzione immediata alle necessità   impellenti sia delle popolazioni sia a livello materiale».
Lo strumento del Fondo di solidarietà   dell’UE è «di grande rilevanza», secondo il CESE, e puಠcostituire un aiuto determinante a ripristinare lo stato di normalità   e il funzionamento abituale delle infrastrutture e della vita economica e sociale dei cittadini vittime di catastrofi come quella che ha colpito la regione italiana.

Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here