Bilancio 2018: giovani e sicurezza priorità dell’Unione

772

In seguito all’ accordo di conciliazione raggiunto con il Consiglio dei Ministri, il Parlamento Europeo ha approvato, nella sua seduta del 30 novembre scorso, a larga maggioranza il bilancio 2018 (295 voti in favore, 154 voti contrari e 197 astensioni).

Gli stanziamenti d’impegno per l’anno venturo, ammontano complessivamente a 160,1 miliardi di euro, mentre gli stanziamenti di pagamento raggiungono la quota di 144,7 miliardi di euro. Nell’insieme il Parlamento europeo ha deciso fondi supplementari, in particolare,  per la disoccupazione giovanile, per le PMI (Piccole e medie imprese), per la ricerca e per il programma Erasmus.

Per la  voce disoccupazione giovanile, una delle priorità della Commissione Juncker, sono stati stanziati 116,7 milioni di fondi aggiuntivi, mentre sono stati eliminati i tagli previsti per un ammontare di 750 milioni di euro al settore crescita e occupazione proposti dal Consiglio.  I programmi Orizzonte 2020 (ricerca), Erasmus + e COSME (sostegno alle PMI) hanno ottenuto, rispettivamente, fondi supplementari di 110 milioni, 24 milioni e 15 milioni di euro. I giovani agricoltori, inoltre, hanno ottenuto 34 milioni di euro addizionali per combattere la disoccupazione giovanile nelle aree rurali.

Per quanto riguarda i confini dell’Unione, l’Europarlamento ha potenziato i finanziamenti previsti dalla Commissione per la gestione dei flussi migratori e per rafforzare le agenzie con compiti relativi alla sicurezza, quali Europol, Eurojust e l’ufficio europeo di sostegno per l’asilo. I deputati hanno inoltre rafforzato di 80 milioni di Euro i programmi di cooperazione esterna dell’UE legati alle problematiche migratorie.

Infine, i fondi di pre-adesione previsti per la Turchia sono stati ridotti di 105 milioni di euro e altri 70 milioni di euro sono stati iscritti a riserva, a seguito delle recenti violazioni in tema di democrazia, Stato di diritto e diritti umani da parte del Paese guidato da Erdoğan.

Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here