1,3 milioni di domande presentate all’Ufficio europeo per il sostegno all’asilo

685

L’Ufficio europeo per il sostegno all’asilo ha presentato una relazione sulle richieste di asilo nell’Unione Europea.

L’Ufficio europeo per il sostegno all’asilo, un’agenzia dell’Unione Europea il cui compito è quello di fornire strumenti per aiutare gli Stati Membri a fronteggiare i flussi di richiedenti asilo, ha recentemente presentato davanti alla commissione sulle Libertà civili del Parlamento europeo una relazione sulle richieste di asilo nell’Unione Europea e in altri Stati, quali la Svizzera, l’Islanda, il Liechtenstein e la Norvegia.
Dalla relazione è emerso che nel 2016 1,3 milioni di persone hanno chiesto asilo nell’Unione Europea, un dato in calo del 7% rispetto al 2015.
Va evidenziato come il 32% di tali richieste riguardassero minorenni e come oltre un quarto delle domande sia provenuto da cittadini siriani, seguiti nell’ordine da afghani, iracheni, pachistani e nigeriani, il cui numero è significativamente aumentato, anche a causa della crescita delle migrazioni provenienti dai paesi dell’Africa sub-sahariana. I siriani, gli eritrei e gli iracheni che hanno presentato domanda di asilo hanno visto quasi 700.000 richieste accolte su 1,15 milioni presentate.
Nonostante tutto, gli attraversamenti illegali dei confini esterni dell’Unione Europea rimangono significativi: dei 511.000 complessivi, quasi 400.000 provengono dall’Africa, dal Medio Oriente e dall’Asia. Un dato significativo si registra, invece, sul versante turco: grazie all’accordo tra l’Unione Europea e il governo di Ankara, gli attraversamenti irregolari su quel fronte si sono ridotti da 885.386 a 182.534.

Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here