Sondaggio BEI: per il 72% degli europei i comportamenti individuali possono contribuire alla lotta contro il cambiamento climatico

114

La seconda pubblicazione dell’EIB Climate Survey per l’edizione 2020/2021 evidenzia la posizione dell’opinione pubblica tra crisi climatica e Covid-19

La Banca Europea per gli Investimenti (BEI) ha recentemente presentato la seconda parte dell’EIB Climate Survey 2020/2021. Il rapporto, ormai giunto alla terza edizione, ha l’obiettivo di fornire informazioni sul dibattito circa le attitudini e i comportamenti individuali con riferimento al cambiamento climatico. L’ultima consultazione si concentra su tre tematiche principali.

In primo luogo, le modalità attraverso le quali i cittadini intendono lottare contro tale fenomeno. I risultati evidenziano una generale convinzione – 72% del campione europeo, 72% di quello statunitense e 84% di quello cinese – circa l’importanza delle scelte individuali nel contrasto ai mutamenti climatici, con una particolare sensibilità in merito fra le fasce più giovani degli europei e americani intervistati. Tuttavia, solamente il 19% degli europei considerati – di contro al 27% degli statunitensi intervistati e al 10% dei cinesi coinvolti nel sondaggio – afferma di porre in essere cambiamenti radicali nel proprio stile di vita per combattere il cambiamento climatico.

In secondo luogo, la presente indagine sottolinea ciò a cui i cittadini delle tre aree considerate sarebbero disposti a rinunciare per lottare contro la crisi climatica in corso. A tal fine, fra viaggiare in aereo, acquistare carne, comprare nuovi vestiti, utilizzare i servizi di streaming video e possedere un’automobile la prima alternativa sembra essere la più semplice da scegliere per il 40% degli europei, il 43% dei cinesi e il 38% degli statunitensi; al contrario, per il 39% del campione europeo e il 38% di quello americano rinunciare alla propria auto appare l’opzione più difficile in tal senso. A ciò deve essere aggiunto che, una volta ritirate le restrizioni legate al contenimento della pandemia, se il 22% degli europei dichiara voler rinunciare ai viaggi in aereo, il 42% del medesimo campione afferma di voler trascorrere le vacanze nel proprio Paese o in una Nazione confinante proprio al fine di contribuire al contrasto ai cambiamenti climatici.

Infine, devono essere menzionate le conseguenze della pandemia sulle attitudini e i comportamenti individuali con particolare riferimento agli spostamenti. Due paiono essere i dati interessanti. Per il 79% dei cinesi coinvolti nel sondaggio, il 67% del campione americano e il 58% di quello europeo l’attuale situazione sanitaria risulta più preoccupante delle conseguenze a lungo termine del cambiamento climatico. Inoltre, la maggior parte dei cittadini delle tre aree di riferimento – rispettivamente il 71%, il 75% e il 67% – è meno propensa ad utilizzare i mezzi pubblici proprio per effetto della pandemia in corso.

Per ulteriori informazioni si rimanda al comunicato della Banca Europea per gli Investimenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here