L’Unione Europea distribuisce frutta, verdura e latte nelle scuole

444

In occasione della ripresa dell’anno scolastico, ricomincia il programma di distribuzione di frutta e verdura e di latte nei Paesi dell’Unione Europea che vi aderiscono.

Volto a incoraggiare abitudini alimentari sane nei bambini, questo programma europeo rivolto alle scuole prevede principalmente la distribuzione di frutta e verdure e di prodotti caseari, ma altresì programmi pedagogici mirati, destinati a spiegare alle alunne e agli alunni l’importanza di una corretta nutrizione e in che modo siano prodotte le derrate alimentari.

Con un numero crescente di adesioni, nel corso dell’anno scolastico 2017/2018 questa iniziativa in favore di un’alimentazione sana si è indirizzata a più di 30 milioni di bambine e bambini in tutta l’Unione Europea.

Il programma prevede, per ogni anno scolastico, 150 milioni di Euro per la frutta e la verdura e 100 milioni di Euro per il latte e gli altri prodotti caseari. Benché la partecipazione non sia obbligatoria e avvenga secondo modalità differenti, tutti gli Stati membri dell’Unione Europea hanno deciso di prendere parte a questo programma, le cui dotazioni nazionali per l’anno scolastico 2018/2019 per i 28 Stati membri sono state approvate e adottate dalla Commissione europea nel marzo 2018.

La scelta dei prodotti distribuiti si fonda su considerazioni sanitarie e ambientali, nonché sul carattere stagionale, sulla varietà e sulla disponibilità dei prodotti. Gli Stati membri possono promuovere l’acquisto locale o regionale, i prodotti biologici, le filiere corte, i benefici ambientali e i sistemi di qualità agricola.

La distribuzione di frutta e verdura e di latte prosegue di pari passo con una serie di attività educative destinate alle allieve e agli allievi. La quasi totalità dei Paesi ha istituito comitati che rappresentano le autorità e le parti coinvolte dei settori dell’agricoltura, della sanità e dell’educazione e che si riuniscono più volte nel corso dell’anno scolastico per supervisionare le attività.

 

Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO