L’educazione digitale a scuola nell’Unione Europea

268

Riconoscendo il ruolo – chiave che l’educazione digitale gioca nel preparare le persone in un mondo guidato dalla tecnologia, il rapporto Eurydice fa luce su due prospettive differenti ma complementari dell’educazione digitale: lo sviluppo delle competenze rilevanti per gli studenti, da un lato, e l’uso pedagogico delle tecnologie per supportare, migliorare e trasformare l’apprendimento e l’insegnamento, dall’altro.

Il rapporto fornisce indicatori sullo sviluppo delle competenze digitali degli studenti attraverso dei curricula delle scuole e delle competenze digitali specifiche degli insegnanti, sulla valutazione delle loro abilità digitali e sull’uso di tecnologie per la valutazione in generale, e, finalmente, sugli approcci strategici dell’educazione digitale e specificamente sulle politiche, che supportano la scuola in queste materie. Mentre i quattro capitoli principali forniscono informazioni comparative alla comunità educante, ai policy – makers e ai ricercatori sulle attuali politiche di educazione digitale nelle scuole attraverso l’Europa, gli allegati aggiungono informazioni specifiche per Paese, sui curriculum delle scuole, sul quadro delle competenze degli insegnanti, sulle strategie e sulle agenzie di alto livello che sono d’aiuto all’educazione digitale nelle scuole.

Su scala europea, le politiche europee e nazionali in materia hanno riconosciuto da tempo la necessità, per tutti i cittadini di comprendere come la competenza nel digitale sia una competenza chiave, che deve continuare ad essere sviluppata lungo tutta la vita. E’ stata già inserita tra le competenze chiave per l’apprendimento permanente da quando la prima raccomandazione europea in materia è stata pubblicata nel 2006.

Nel gennaio 2018, è stato avviato un Piano d’azione per l’educazione digitale dalla Commissione europea. Tale Piano si focalizza sulla necessità di supportare ed ampliare l’uso mirato di pratiche di educazione digitale e innovativa. Le sue principali priorità sono : 1) fare un uso migliore delle tecnologie digitali per l’insegnamento e l’apprendimento; 2) sviluppare competenze e abilità per la trasformazione digitale.

Tra i principali risultati, ricordiamo:

  • lo sviluppo della competenza digitale è inclusa nella stragrande maggioranza di Paesi, a tutti e tre i livelli di istruzione (educazione primaria, educazione secondaria intermedia, educazione secondaria di secondo livello).
  • La metà dei sistemi educativi europei è attualmente impegnata nella riforma dei curricula relativi alle competenze digitali.
  • In circa due terzi dei sistemi educativi europei, delle competenze digitali specifiche sono riconosciute tra le competenze essenziali dalla prospettiva dell’insegnamento.
  • In quasi tutti i sistemi educativi, autorità di alto livello sono coinvolte nello sviluppo professionale continuo nell’area dell’educazione digitale.
  • In definitiva, si può affermare che, almeno virtualmente, tutti i sistemi educativi hanno delle strategie per l’educazione digitale, ma che solo pochi si impegnano in un monitoraggio o in una valutazione regolari.
  • Infine, una larga maggioranza di Paesi europei ha attualmente definito piani per investire nelle infrastrutture digitali delle scuole.

Per approfondire: il rapporto integrale Eurydice

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here