Il sostegno UE all’Ucraina

Nello scorso mese di settembr si sono verificati due fatti significativi per le relazioni tra l’UE e l’Ucraina, Paese che rappresenta un nodo sensibile nel più complesso scenario delle relazioni tra l’Ue e la Russia.

Il 12 settembre, il Consiglio dei ministri degli Esteri dell’UE ha prorogato le sanzioni alla Russia, varate nel 2014 all’indomani dell’annessione della penisola di Crimea alla Federazione Russa.

Con la decisione del 12 settembre i ministri degli Esteri UE hanno dato seguito alle conclusioni del Consiglio Europeo dei capi di Stato e di governo dello scorso mese di giugno: la proroga, fino al marzo 2019 riguarda il congelamento dei beni e le restrizioni di viaggio applicate attualmente a 155 persone e 44 entità.

Restano, invece, in vigore, senza alcuna variazione di estensione temporale le sanzioni economiche riguardanti settori specifici dell’economia russa, (fino al 31 gennaio 2019) e le misure restrittive limitate al territorio della Crimea e a Sebastopoli (fino al 23 giugno 2019).

Il giorno seguente a questa decisione del Consiglio, il 13 settembre, la Commissione europea ha sottoscritto a Kiev un protocollo per un miliardo di euro, erogati in forma di prestiti a medio e lungo termine, nell’ambito dell’assistenza macro-finanziaria (AMF).

Lo stanziamento sottoscritto in settembre (che era stato proposto dalla Commissione a marzo e approvato dal Parlamento europeo a luglio), si aggiunge a tre precedenti operazioni realizzate tra il 2015 e il 2017 per un ammontare complessivo di 2,8 miliardi di euro).

L’Assistenza Macrofinanziaria, che è parte della più ampia Politica di vicinato dell’UE, ed è strumento eccezionale di reazione alle crisi (intese come gravi squilibri della bilancia dei pagamenti), non è il solo strumento con cui l’UE sostiene l’Ucraina. Vanno segnalati anche l’aiuto umanitario, il sostegno di bilancio, l’assistenza tecnica e il meccanismo misto di finanziamento per l’investimento.

Per approfondire

Relazioni UE – Ucraina

Cronologia delle sanzioni alla Russia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here