Diari d’Europa #438 – Paesi piccoli piccoli nell’UE

24

Sono diversi i criteri con cui classificare la “grandezza” dei Paesi UE: la popolazione, il territorio, la cultura, l’economia e via seguitando. Da tempo per definire il profilo di un Paese le statistiche tengono d’occhio il numero di migranti e, tra di loro, i richiedenti asilo. 

Così c’è una classifica dei Paesi “grandi” per popolazione e per numero di richiedenti asilo: nel 2019 sono stati 165.000 in Germania, 129.000 in Francia, 118.000 in Spagna, 77.000 in Grecia. Poi ci sono Paesi “piccoli” per popolazione (attorno ai 10 milioni di abitanti), ma “grandi”  per l’accoglienza migranti, come la Grecia (77.000) il Belgio (27.000), la Svezia (26.000) e Paesi “grandi” per popolazione che stentano a diventare grandi per l’accoglienza come l’Italia,  con 44.000 richiedenti asilo su una popolazione di 60 milioni di abitanti. 

A non fare sfigurare l’Italia c’è la “piccola” Danimarca con appena 2.695 richiedenti asilo su una popolazione di oltre 5,86 milioni di abitanti: con una popolazione equivalente, il Belgio ne ha 10 volte tanto e la Grecia quasi trenta volte. E’ diventata ancora più “piccola piccola” la Danimarca nel 2020 con 1515  richiedenti asilo e 601 domande accolte: il numero più basso degli ultimi 30 anni. 

Indovinare adesso quale Paese ritiene di avere troppi richiedenti asilo, al punto di decidere di collocare i “suoi” in Africa? Ci deve proprio essere del marcio in Danimarca… 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here