Diari d’Europa #306 – Unione Europea: lavorare costa

35

Di questi tempi qualcuno dimentica che il lavoro non solo fa girare il mercato dell’economia ma anche dà ossigeno alle casse dello Stato con contributi fiscali non proprio irrilevanti, ma non in misura eguale nell’Unione Europea.
Solo le “piccole” Grecia e Slovacchia “spremono” il lavoro più delle “grandi” con l’Italia davanti a Francia e Germania: ne risulta che per lo Stato italiano il prelievo fiscale sul lavoro rappresenta la principale fonte di entrate. Rispetto alla media UE siamo 5 punti percentuali sopra, ma con una pressione fiscale significativamente più forte per il datore di lavoro.
Non proprio uno stimolo per gli imprenditori ad investire né una misura equa di fiscalità tra chi lavora e gli altri, sempre che questi ultimi non sfuggano anche al fisco.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here