Austria e Finlandia danno continuità   al Consiglio

802

Rimangono punti fermi nel programma comune della Presidenza austriaca e di quella finlandese (rispettivamente primo e secondo semestre 2006) le politiche per l’educazione e per la cultura, le questioni ambientali ed il dossier energia.
Nel settore dell’educazione verrà   promosso un approccio integrato e di cooperazione tra i 25 Stati membri. Obiettivo principale è il rilancio del programma «Educazione e Formazione 2010» attraverso il miglioramento della qualità   e dell’efficacia dei sistemi di insegnamento. La politica culturale, i programmi per la Gioventù e per i Media, la società   dell’informazione saranno ugualmente delle priorità   nel 2006.
Per l’ambiente, tra i nodi critici da affrontare permangono la questioni dei cambiamenti climatici, della biodiversità  , della qualità   dell’aria, dei rifiuti e dell’adozione di una strategia di sviluppo sostenibile che si concentri sui modi di produzione e di consumo. Particolarmente attenta a tale principio, l’Austria persegue una politica dell’energia che mira ad ottimizzare l’approvvigionamento di risorse e contemporaneamente a vigilare sul funzionamento del mercato interno, sulla sicurezza delle reti di distribuzione, sui costi e sulla sostenibilità   ambientale e sociale. La nuova Presidenza si ripromette infine di rafforzare il dialogo energetico con paesi terzi e di salvaguardare la sicurezza nucleare. Al prossimo Vertice di Primavera presiederà   inoltre il dibattito per l’attuazione di una futura politica energetica comune.
Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here