Legge francese sulla sorveglianza digitale al vaglio del Parlamento europeo

3157

Il Parlamento francese ha approvato una controversa legge sulla sorveglianza digitale dei cittadini con lo scopo di incrementare la sicurezza del Paese e di prevenire nuovi attacchi terroristici di matrice islamica. Il provvedimento è passato con voto favorevole dell’Assemblea nazionale e del Senato alla fine di giugno, consentendo alle Autorità francesi di monitorare le comunicazioni informatiche fra i privati qualora possano considerarsi una minaccia alla sicurezza nazionale.

Tali misure di prevenzione, il cui iter è stato accelerato dopo l’attentato di gennaio contro la sede del giornale satirico Charlie Hebdo, ritenute necessarie dal Governo, sono state aspramente criticate dalle organizzazioni per i diritti civili, che le hanno denunciate come una minaccia alla libertà individuale, a causa della superficialità delle loro disposizioni. Uno dei punti critici risulta la possibilità di monitoraggio delle comunicazioni digitali e dell’eventuale sorveglianza, qualora siano  a rischio “gli interessi strategici della politica estera”.

Per questa ragione, il Parlamento europeo ha avviato una discussione riguardo la compatibilità di alcune parti del provvedimento con i Trattati e con la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea grazie al lavoro della Commissione Libertà civili, giustizia e affari interni. Nel caso in cui fossero ravvisati dei sospetti di incompatibilità, la questione passerebbe nelle mani della Commissione europea.

Approfondisci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here